Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 21/07/2017 alle ore 17:10

Attualità e Politica

30/06/2017 | 10:08

Agenzie fiscali, Senato: presentato DL Marino (PD) per la riorganizzazione

facebook twitter google pinterest
Agenzie fiscali Senato DL Marino PD

ROMA - Il presidente della Commissione Finanze del Senato, Mauro Marino (PD), ha presentato un disegno di legge per la revisione della disciplina dell’organizzazione delle agenzie fiscali, con l'obiettivo di «potenziare l’autonomia e l’efficienza delle agenzie, allo scopo di garantire l’effettività del gettito delle entrate e l’incremento del livello di adempimento spontaneo degli obblighi tributari, anche attraverso il miglioramento del rapporto con i contribuenti».
Nella proposta, si legge che «occorre ridare autonomia finanziaria alle agenzie: eventuali interventi di spending review generalizzata non possono riguardare orizzontalmente anche le agenzie, come avvenuto recentemente con i tagli alle spese per gli immobili, per il personale e per l’informatica. Gli interventi di riduzione dovrebbero riguardare i fondi complessivi erogati alle agenzie, lasciando libere queste ultime di decidere come ripartire i tagli sulle specifiche voci». 
Marino osserva che «la gestione del personale è in condizioni particolarmente critiche. Hanno pesato numerosi interventi legislativi susseguitisi negli ultimi anni, che hanno progressivamente eroso l’autonomia delle agenzie su questo fronte, e da ultimo la nota sentenza della Corte costituzionale sugli incarichi dirigenziali. Occorre intervenire urgentemente per dare alle agenzie l’autonomia necessaria a svolgere efficacemente la loro missione, sul fronte delle regole per il reclutamento, la valutazione, lo sviluppo di carriera, gli incentivi, il contratto di lavoro».
«È anche opportuno ribadire la piena autonomia delle agenzie nella determinazione della loro organizzazione interna» e «occorre rivedere il sistema delle convenzioni
tra Ministero dell’economia e delle finanze e agenzie, che oggi sono basati su
una pluralità eccessiva di micro-obiettivi, mentre dovrebbero invece fare riferimento
a pochi obiettivi di carattere generale e strategico, ponendo l’accento sugli obiettivi di miglioramento dell’adempimento spontaneo dei contribuenti. Allo stesso tempo il sistema delle convenzioni, e gli incentivi in esse previsti, vanno rivisti anche per migliorare il coordinamento e la supervisione del Ministero dell’economia e delle finanze sull’operato delle agenzie».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password