Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/07/2017 alle ore 20:42

Attualità e Politica

17/04/2017 | 11:30

Giochi, Ascoli: il Questore nega licenza a sala scommesse troppo vicina a luoghi sensibili

facebook twitter google pinterest
Giochi Ascoli sala scommesse

ROMA - La questura di Ascoli nei giorni scorsi ha negato l'autorizzazione ad aprire un centro scommesse nella periferia cittadina, a Villa Sant'Antonio, e ha annunciato un giro di vite sui controlli: si tratta di una decisione in linea con quanto previsto dalla legge regionale numero 3 del 7 febbraio scorso in materia di tutela della salute e di politiche sociali, che dispone il divieto d'installazione di apparecchi e congegni per il gioco in locali che, se si trovano in centri con popolazione superiore ai cinquemila abitanti, non distino almeno cinquecento metri (distanza ridotta a trecento metri per i centri più piccoli) da luoghi deuniti «sensibili», come scuole, istituti di credito, chiese, sportelli bancomat e uffici postali. Il questore, competente per il rilascio della licenza, ha negato l'autorizzazione a una sala scommesse, i cui locali si trovano molto vicini a una chiesa e a un ufficio postale. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password