Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/07/2017 alle ore 20:42

Attualità e Politica

12/07/2017 | 16:45

Giochi, gli operatori al min. Sviluppo economico: "Con distanziometro chiuderanno il 59,5% dei punti, subito un tavolo di crisi"

facebook twitter google pinterest
Giochi operatori distanziometro

ROMA - L’effetto dell'introduzione di una distanza minima di 300 dai luoghi sensibili come scuole e chiese comporterebbe la riduzione del 59,5% dei punti gioco esistenti, mettendo in fortissima crisi il settore del gioco legale. E' questa la tesi presentata oggi da Confindustria Sistema Gioco Italia al ministero dello Sviluppo economico. L'ulteriore aumento del prelievo sulle slot e il mancato accordo con gli enti locali in Conferenza Unificata mettono a rischio la stabilità della filiera e oltre 150mila posti di lavoro degli addetti e l'innalzamento della pressione fiscale inoltre rende poco competitivo il gioco legale, determinando uno spostamento della domanda verso l'offerta illegale e provocando un calo delle entrate e un aumento delle problematiche sociali e di ordine pubblico, ha evidenziato ancora Confindustria Giochi, che ha chiesto l'apertura di un tavolo di crisi.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password