Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/07/2017 alle ore 20:52

Attualità e Politica

05/07/2017 | 10:23

Gioco patologico, Serpelloni: "Serve approccio integrato e coordinato alle dipendenze"

facebook twitter google pinterest
Gioco patologico Serpelloni

ROMA - "Il gioco patologico è un problema complesso che ha varie implicazioni: non è facile trovare il punto di equilibrio tra il controllo del gioco legale e il contrasto dell'illegale e tra le misure adottate per la protezione della salute dei cittadini e le entrate dello Stato e dei concessionari". 

Lo ha detto Giovanni Serpelloni, ex direttore del Dipartimento per le politiche antidroga della Presidenza del Consiglio, nel corso del convegno "Gioco d'azzardo patologico, dalla neurobiologia sperimentale alla clinica", organizzato dal CNR a Roma. "È necessario un approccio integrato alle dipendenze, dall'alcol alla droga fino al gioco patologico", ha aggiunto. 

"Ragionare sulle distanze non è sbagliato, così come ragionare sull'offerta sul territorio: numerosi studi hanno dimostrato che la propensione a giocare aumenta con la vicinanza a luoghi che offrono azzardo". Attenzione anche ai messaggi pubblicitari: "Esiste una pubblicità che può incentivare la pratica del gioco nelle persone già problematiche, spingendole quindi alla dipendenza: per questo è necessario introdurre il divieto totale per i messaggi pubblicitari", ha spiegato Serpelloni. 

"La prevenzione è fondamentale: la tutela della salute dei cittadini vulnerabili deve essere la priorità, deve essere diretta soprattutto giovani e anziani, attraverso un approccio basato sulle neuroscienze e coordinato a livello nazionale e regionale", ha continuato Serpelloni. Per ridurre il numero dei giocatori patologici è necessario "ridurre i punti gioco e gli orari di apertura, introdurre dei segnali di warning sulle slot machine e regolamentare il gioco online", ha concluso.

MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password