Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/07/2017 alle ore 18:00

Attualità e Politica

19/04/2017 | 17:16

Manovra, Astro: «Stato poco credibile, non vuole dipendere da incassi del gioco ma innalza prelievo»

facebook twitter google pinterest
Manovra Astro gioco

ROMA - Con l’aumento del prelievo erariale sugli apparecchi previsto dalla manovra varata la scorsa settimana dal Governo «siamo al terzo innalzamento consecutivo della pressione fiscale sulle slot in 3 anni: oramai è chiaro che questo Governo non è contro il gioco, ma contro un segmento di esso». È la denuncia dell'associazione dei gestori Astro. «Non importa se la Corte dei Conti certifica ogni anno che il livello che si è raggiunto del prelievo sulle awp è “il picco massimo sostenibile”, non importa se il braccio tecnico del MEF (l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) attesta la non compatibilità industriale tra nuovi rincari e tenuta del sistema, non importa se fior di magistrati della DDA sollevano l’allarme “intrusione criminalità” in tutte le imprese che dovessero essere raggiunte da pressioni fiscali esorbitanti le marginalità». 
Per Astro, «la credibilità si perde quando lo Stato sbandiera l’intenzione di non voler dipendere dal gioco per tutelare la salute pubblica e poi innalza l’aspettativa di incasso dallo stesso gioco». Per quegli imprenditori a cui «non resta abbastanza per pagare mutui e stipendi, le alternative si fanno pesanti: ora bisogna capire cosa conviene, ma sicuramente non si intraprenderanno più percorsi di dialogo, bensì risposte legali (perstabilire di chi sarà la colpa dei prossimi 3000 fallimenti di settore) e industriali (per capire se la povertà del gestore si stia tramutando in ricchezza per altri)». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password