Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 29/05/2017 alle ore 18:21

Attualità e Politica

09/06/2016 | 13:45

Scommesse, Cassazione: "Gioco non autorizzato con totem, arresto per esercenti è giustificato"

facebook twitter google pinterest
Scommesse Cassazione Intermediazione totem

ROMA - La raccolta scommesse per conto di operatori esteri non autorizzati in Italia è intermediazione, un reato per cui la legge prevede «l'arresto da tre mesi a un anno». E' quanto ribadisce la Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione, che ha respinto il ricorso del titolare di un punto di Termini Imerese, contro l'arresto - due mesi e venti giorni, con pena sospesa - confermato dai tribunali siciliani in primo e secondo grado.

Il reato contestato è di «intermediazione nel settore delle scommesse, in assenza di autorizzazione», tramite alcuni “totem”, dei terminali collegati ad internet e che inviavano le giocate su «competizioni canine» verso un «allibratore austriaco non dotato di concessione per operare in territorio italiano». I terminali rilasciavano anche delle ricevute di gioco ed erano usati anche da scommettitori non forniti di un conto gioco.

Per la Cassazione «il ricorso, palesemente infondato, va dichiarato inammissibile»: la Suprema Corte ha ritenuto fondate le accuse formulate, ritenendo di «condividere il giudizio di congruità della pena irrogata dal giudice di primo grado».

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

scommesse victor chandler

Betting, Victor Chandler prova a “sfondare” in Africa

29/05/2017 | 18:21 ROMA - Dopo una pausa di tre anni è pronto a tornare sulla piazza. Victor Chandler, fondatore ed ex presidente dell’omonimo bookmaker (conosciuto adesso come BetVictor, dopo l’addio dello stesso Chandler nel 2014)...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password