Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/08/2017 alle ore 20:32

Attualità e Politica

11/07/2017 | 18:40

Slot, Tar Piemonte: ok a limiti orari per i Comuni, no a nuovi luoghi sensibili per distanziometri

facebook twitter google pinterest
Slot Tar Piemonte limiti orari Comuni distanziometro

ROMA - L'introduzione di limiti orari per il funzionamento delle slot e delle videolotteries decisa dai Comuni piemontesi è legittima, mentre le amministrazioni non possono aggiungere - senza motivare adeguatamente - ulteriori luoghi sensibili a quelli già previsti dalla legge regionale: è quanto si legge in una serie di sentenze del Tar Piemonte, relative ai provvedimenti adottati ad Alessandria, Biella, Novara, Verbania, Domodossola, Tortona, Borgo San Dalmazzo, Tortona, Cannobio, Gravellona Toce e Borgaro Torinese.
I giudici amministrativi danno il via libera alle limitazioni orarie, visto che sono previste dalla legge regionale a tutela del "primario interesse alla tutela della salute pubblica", un interesse prevalente su quelli economici degli operatori, come di recente ribadito anche dalla Corte Costituzionale. Niente da fare invece per l'estensione dei luoghi sensibili contenuta nei regolamenti di Domodossola (che però ottiene l'ok sugli orari) e Borgo San Dalmazzo, che individuano nuovi punti per l'applicazione del "distanziometro" entro cui non si possono avviare nuove attività di gioco: l'elenco contenuto nella legge regionale è "tassativo", i Comuni possono individuare “altri luoghi sensibili” soltanto con provvedimenti motivati e per esigenze di sicurezza urbana, viabilità, l'inquinamento acustico e disturbo della quiete pubblica, mentre la salute dei cittadini resta competenza della Regione.

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password