Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 28/06/2017 alle ore 20:44

Attualità e Politica

12/04/2017 | 17:50

Scommesse, Aronica (ADM): «Bando di gara risolverà la questione dei ctd esteri»

facebook twitter google pinterest
aronica giochi

ROMA - «Sulla questione dei Ctd la cosa migliore è fare la gara. Lo stato dell'arte è questo: c'è stata una legittimazione ma c'è la possibilità di mettere tutti di fronte a una gara scommesse che assicuri parità di condizioni a tutti. Ci sono due possibilità o quella di fare una gara o quella di una proroga ma che sia aperta ad altri operatori. Questo è il modo migliore per mettere fine a questi problemi, perché si potrà scegliere se stare dentro o fuori il circuito legale però sulla base del fatto che sia assicurata a tutti una parità di condizioni». Lo ha detto il vicedirettore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Alessandro Aronica, nel corso di un'audizione sulle tematiche relative al contrasto dell'evasione fiscale in Commissione Finanze alla Camera, rispondendo a una domanda del deputato Federico Ginato (PD). Aronica ha poi risposto al deputato Alberto Giorgetti (FI) sul tema delle tasse applicate ai giochi: «Non c'è dubbio che si possa continuare a inasprire la tassazione, il problema è se ci si aspetta anche un maggior gettito. Se si riduce l'offerta di gioco per ridurre la domanda, dobbiamo immaginare il gioco in maniera più contenuta. Naturalmente, il fatto che l'offerta legale crei la domanda è una delle interpretazioni possibili», ha sottolineato. Il tentativo dello Stato, comunque, «è avere un'offerta legale competititva e controllare meglio alcuni fenomeni» relativi alla dipendenza. MSC/Agipro
 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password