Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/04/2017 alle ore 11:07

Attualità e Politica

14/04/2017 | 10:09

Scommesse, Cassazione conferma condanna per titolare di un centro non autorizzato

facebook twitter google pinterest
cassazione scommesse

ROMA - La Terza sezione penale della Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dal titolare di un centro scommesse senza autorizzazione pugliese, condannato dal Tribunale di Lecce a quattro mesi di reclusione per raccolta abusiva di giocate. Per i giudici supremi l’attività del centro non consisteva solo nella messa a disposizione dei clienti del collegamento internet necessario per scommettere, ma costituiva una vera e propria attività di intermediazione, vietata dalla legge. Inoltre l’argomentazione dell’indagato - secondo cui il bookmaker estero per cui operava avrebbe subito l’illegittima esclusione dai bandi di gara, e da ciò deriverebbe la mancanza della licenza di polizia - non è stata accolta dai giudici. “L’assenza di richiesta dell'autorizzazione  - si legge nella sentenza - esclude in radice la possibilità per il giudice di valutare la presunta discriminazione”. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password