Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/03/2017 alle ore 20:34

Attualità e Politica

17/03/2016 | 13:40

Enada 2016, Cuschieri (Mga): "Ancora sospese le licenze coinvolte in 'Gambling', piena collaborazione con l'Italia"

facebook twitter google pinterest
enada rimini cuschieri mga malta

RIMINI - "I controlli della MGA sugli operatori sono sempre stati condotti con l'obiettivo di migliorare la sicurezza: si tratta di una regola fondamentale per noi". Lo ha spiegato ad Agipronews Joseph Cuschieri, presidente esecutivo della Malta Gaming Authority, a margine di Enada Primavera. "Il settore del gaming - ha evidenziato - è molto dinamico e i processi - anche di regolamentazione - vanno aggiornati continuamente, anche perché le tecnologie sono in continuo cambiamento".

Nel periodo in cui è emersa l'inchiesta "Gambling" (cioé durante la scorsa estate, ndr), "abbiamo collaborato strettamente con l'Italia. La polizia maltese - a seguito di un mandato europeo - ha arrestato le persone coinvolte, ma in precedenza la Malta Gaming Authority aveva sempre chiesto agli operatori di dimostrare i propri requisiti per gestire il gioco", ha precisato ancora Cuschieri. "Dopo l'inchiesta, ovviamente, abbiamo avuto il ragionevole dubbio sulle operazioni oggetto di indagine - ha detto -  e quindi abbiamo sospeso le licenze che sono ancora in stand-by, in attesa dell'esito dei procedimenti e delle decisioni dei tribunali italiani. Nel frattempo stiamo continuando a svolgere continui controlli sui fatti".

"L'inchiesta 'Gambling', in generale, ha chiarito una volta per tutte che i regolatori europei devono lavorare insieme, condividendo informazioni e protocolli comuni. - ha concluso Cuschieri - Il rapporto con l'Italia è davvero ottimo e i fatti della scorsa estate hanno portato ad una sempre maggiore comprensione reciproca. Stiamo implementando le forme di controllo, in attesa di approvare una nuova legge che sarà presentata la parlamento entro l'estate. Tutti però sono d'accordo, anche a livello comunitario, che non è possibile per un'autorità nazionale di regolamentazione controllare e limitare i servizi che un operatore offre nel territorio europeo". NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password