Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/07/2017 alle ore 11:56

Attualità e Politica

11/07/2017 | 18:25

Limiti orari a Torino, Tar Piemonte: "Comuni legittimati a intervenire in assenza di norme statali"

facebook twitter google pinterest
giochi tar piemonte torino limiti orari

ROMA - Infondata è anche “la censura di disparità di trattamento formulata con riferimento al gioco on-line, non intaccato dai provvedimenti impugnati, tenuto conto che l’amministrazione comunale non ha il potere di intervenire su tale tipologia di gioco e che la parità di trattamento si risolverebbe, assurdamente, nell’impossibilità per le amministrazioni comunali di arginare il fenomeno del gioco patologico”. Non regge per il Collegio nemmeno la tesi secondo cui i limiti orari a Torino inducano gli utenti a “trasferirsi” in altri comuni con discipline più favorevoli: ciò “non configura un profilo di irragionevolezza del provvedimento impugnato, dal momento che, in attesa di una disciplina centralizzata e uniforme dettata (chissà quando) dallo Stato, non si può pretendere che i Comuni si astengano dall’esercitare le proprie prerogative istituzionali a tutela delle comunità amministrate”. Il Tar ricorda infine come i principi comunitari sulla liberalizzazione delle attività economiche e  sulla libera prestazione di servizi possono essere limitate da “esigenze imperative connesse all’interesse generale”, come in questo caso. LL/Agipro

 

Limiti orari a Torino, Tar Piemonte: "Comuni legittimati a intervenire in assenza di norme statali"

ROMA - Infondata è anche “la censura di disparità di trattamento formulata con riferimento al gioco on-line, non intaccato dai provvedimenti impugnati, tenuto conto che l’amministrazione comunale non ha il potere di intervenire su tale tipologia di gioco e che la parità di trattamento si risolverebbe, assurdamente, nell’impossibilità per le amministrazioni comunali di arginare il fenomeno del gioco patologico”. Non regge per il Collegio nemmeno la tesi secondo cui i limiti orari a Torino inducano gli utenti a “trasferirsi” in altri comuni con discipline più favorevoli: ciò “non configura un profilo di irragionevolezza del provvedimento impugnato, dal momento che, in attesa di una disciplina centralizzata e uniforme dettata (chissà quando) dallo Stato, non si può pretendere che i Comuni si astengano dall’esercitare le proprie prerogative istituzionali a tutela delle comunità amministrate”. Il Tar ricorda infine come i principi comunitari sulla liberalizzazione delle attività economiche e  sulla libera prestazione di servizi possono essere limitate da “esigenze imperative connesse all’interesse generale”, come in questo caso. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password