Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/07/2017 alle ore 20:42

Attualità e Politica

12/07/2017 | 12:12

Giochi, Tar Veneto a favore dei limiti orari in provincia di Verona e di Padova

facebook twitter google pinterest
tar veneto giochi limiti orari padova verona

ROMA - Il Tar Veneto ha dichiarato legittimi i regolamenti comunali di Colognola ai Colli (in provincia di Verona) e Piove di Sacco (Padova) che limitano gli orari di apertura delle sale giochi e di funzionamento degli apparecchi. È quanto si legge nelle sentenze che respingono i ricorsi delle società Anda e DP Service. Le norme impugnate - che consentono otto ore di attività, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 21 - appaiono ai giudici della Terza sezione “proporzionate rispetto agli obiettivi perseguiti (prevenzione, contrasto e riduzione del gioco d’azzardo patologico” e rappresentano “un ragionevole contemperamento degli interessi economici degli imprenditori del settore con l’interesse pubblico a prevenire e contrastare fenomeni di patologia sociale connessi al gioco compulsivo”. I dati forniti dalla ASL 16 di Padova e dalla dalla ULSS di Verona, si legge ancora, “evidenziano che la crescita del fenomeno della ludopatia ha riguardato anche l’ambito territoriale considerato” e per questo i Comuni sono legittimati a intervenire. “Scopo dell’ordinanza comunale non è quello di eliminare ogni forma di dipendenza patologica dal gioco, (anche quelle generate da gratta e vinci, lotto, superenalotto, giochi on line, etc.), ma solo quello di prevenire, contrastare, ridurre il rischio di dipendenza patologica derivante dalla frequentazione di sale e dall’utilizzo di apparecchiature per il gioco”, concludono i giudici. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password