Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/05/2017 alle ore 16:11

Attualità e Politica

16/05/2017 | 16:32

Scommesse, Tar Veneto: non basta parentela con pregiudicato per negare licenza di polizia

facebook twitter google pinterest
tar veneto licenza scommesse

ROMA - L’autorizzazione di polizia per la raccolta delle scommesse non può essere automaticamente negata se la persona che la richiede è stata sottoposta a indagini o ha parentele con soggetti pregiudicati. Lo ha stabilito il Tar Veneto nella sentenza che ha accolto il ricorso della società Beginbet. Il Questore di Venezia aveva negato la licenza al titolare a causa della parentela e delle presunte frequentazioni di pregiudicati. “Non può ritenersi che la mera sottoposizione dell'interessato a un'indagine penale e/o l’essere parenti di soggetti pregiudicati possano comportare ex se la perdita del requisito della buona condotta - si legge nella sentenza - dovendo quest'ultima essere valutata in concreto e in relazione alla prevedibilità ragionevole e motivata circa l'abuso dell'autorizzazione”. Le influenze che secondo avrebbe subito la società sono state smentite, continuano i giudici; inoltre, il fatto che in passato il titolare abbia raccolto scommesse per conto di un bookmaker senza concessione non può essere un valido argomento per rifiutare la licenza. Il titolare ha aderito alla sanatoria prevista dalla legge di stabilità del 2015 e dunque “non gli possono essere riferiti le situazioni antecedenti all’entrata in vigore” della norma. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password