Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 05/12/2016 alle ore 16:54

Attualità e Politica

26/10/2016 | 16:00

Giochi, Ravaioli (PD): «Distanziometro è strumento di contrasto alla dipendenza»

facebook twitter google pinterest
GIochi Ravaioli PD Distaziometro

ROMA - «L’approvazione di questa norma all’interno del Testo Unico sulla Legalità fornisce agli enti locali un ulteriore, efficace strumento di contrasto al sempre più grave fenomeno del gioco patologico e si inserisce coerentemente come rafforzamento dell’azione di prevenzione già avviata con la legge regionale 5/2013». Così Valentina Ravaioli (PD), prima firmataria dell'emendamento al testo unico sulla legalità, approvato oggi dall'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna, che stabilisce una distanza minima di 500 metri dai luoghi sensibili per sale gioco e sale scommesse e per l’installazione di apparecchi da gioco in esercizi pubblici. Tra i luoghi sensibili vengono individuati gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, gli impianti sportivi, le strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o sociosanitario, le strutture ricettive per categorie protette, gli oratori, i luoghi di culto e di aggregazione giovanile ed è riconosciuta ai Comuni la facoltà di estendere le tipologie di luoghi sensibili in funzione del contesto locale in termini di sicurezza, viabilità e disturbo alla quiete pubblica. La distanza minima dovrà essere rispettata per le sale gioco e scommesse, secondo le modalità e le tempistiche che verranno definite dal successivo regolamento di Giunta, e per le nuove installazioni così come in caso di rinnovo di contratto o trasferimento dell’esercizio. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password