Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2016 alle ore 18:12

Attualità e Politica

11/12/2015 | 11:39

Camera, dlgs Riorganizzazione PA: soppresse norme su finanziamenti all'ippica e rilancio del settore

facebook twitter google pinterest
Camera dlgs Riorganizzazione PA ippica

ROMA - La Commissione Affari Costituzionali della Camera ha avviato l'esame dello schema di decreto legislativo che modifica o sopprime alcune disposizioni del Dl Semplificazioni in materia di giochi e ippica. In particolare, il punto 13 dello schema di decreto abroga la norma con cui si affidava a «un regolamento, da emanarsi entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del decreto, la revisione della disciplina dei giochi e delle scommesse relative alle corse ai cavalli, nonché il relativo riparto dei proventi» con l'obiettivo di «rilanciare il settore dell'ippica» e «organizzare la gestione dei giochi secondo efficienza ed economicità», oltre a garantire «una ripartizione delle risorse che consenta all'Agenzia per lo sviluppo del settore ippico lo svolgimento dei propri compiti e prevedere misure organiche per la promozione della salute e del benessere del cavallo». Il DL Spending Review del 2012, inoltre, aveva disposto la soppressione dell'Agenzia per lo sviluppo del settore ippico (ASSI), una misura che quindi «ha reso non più attuale la disposizione della quale si prevede l'abrogazione».
Il punto 14 dello schema di decreto, poi, abroga la possibilità dell'Istituto per lo sviluppo agroalimentare (ISA) S.p.A. «di intervenire finanziariamente, nell'ambito del capitale disponibile, in programmi di sviluppo del settore ippico presentati da soggetti privati, secondo modalità che saranno definite con decreto del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze». La relazione tecnica «evidenzia come, allo stato, senza l'approvazione di un ulteriore specifico regime di aiuti, posaono accedere ai finanziamenti dell'I.S.A. solo società di capitali e società cooperative, economicamente e finanziariamente sane, che operano nei settori della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, zootecnici e silvicoli, mentre l'attività ippica, non essendo riconducibile a tale ambito, non può beneficiare di detti finanziamenti». MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password