Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2016 alle ore 09:28

Attualità e Politica

26/10/2015 | 16:41

Casinò, Cassazione: il pagamento dei debiti di gioco non può essere richiesto davanti a un giudice

facebook twitter google pinterest
Casinò Cassazione debiti gioco giudice

ROMA - Non si può chiedere il pagamento dei debiti di gioco davanti a un giudice, anche nel caso in cui a reclamare la somma sia un casinò autorizzato. E' quanto ha stabilito la Cassazione in riferimento a una controversia tra il Casinò du palais de la Mediterrannee di Nizza e un cittadino italiano a cui era stato concesso un prestito per permettergli di continuare a giocare. Secondo quanto riporta l'Ansa, il casinò aveva chiesto al tribunale di Milano di emettere un decreto ingiuntivo nei confronti di un cliente abituale che aveva dato - come garanzia dei propri debiti di gioco - cinque assegni per 17mila euro, risultati scoperti. Il debitore si era opposto al decreto ingiuntivo, sempre davanti al tribunale di Milano, che gli aveva dato ragione, salvo poi perdere in appello. I giudici di secondo grado, infatti, avevano ritenuto che in questo caso non potesse trovare applicazione a favore del giocatore il codice civile francese, che come quello italiano prevede che «la legge non accorda azione per un debito di gioco o per il pagamento di una scommessa». Basandosi su una sentenza della Cassazione francese del 1980, la Corte d'Appello aveva ritenuto che il Casinò ne avesse diritto in quanto attività «autorizzata dalla legge e regolamentata dai pubblici poteri». Nell'accogliere il ricorso del giocatore moroso, la Cassazione ha premesso che l'interpretazione della legge straniera, al pari di quella nazionale, è prerogativa del giudice italiano e quindi quella sentenza francese, favorevole al Casinò, può anche non essere presa in considerazione in Italia. Anzi, secondo i giudici, che hanno rinviato ad un nuovo processo davanti alla Corte d'Appello di Milano, se è vero che il debitore non può «paralizzare l'azione di pagamento proposta nei suoi confronti dalla casa da gioco» autorizzata e regolamentata dalla legge, come aveva sostenuto la Cassazione francese, questo principio non può essere fatto volere nel caso in cui «il debito in questione si riferisca a mutui concessi dal casinò per alimentare il gioco». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

black monkey

Processo Black Monkey: domani penultima udienza dell’anno

06/12/2016 | 20:30 ROMA  Presso la seconda sezione penale del Tribunale di Bologna inizierà domani alle ore 9,30 la penultima udienza dell'anno del processo Black Monkey, istituito in seguito all’operazione della Guardia di Finanza...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password