Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2016 alle ore 18:12

Attualità e Politica

17/05/2016 | 08:38

Consiglio dei Ministri, alla Regione Sardegna le entrate erariali dei giochi

facebook twitter google pinterest
Consiglio Ministri Regione Sardegna giochi

ROMA - Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e del Ministro per gli affari regionali e le autonomie Enrico Costa, ha approvato un decreto legislativo di attuazione dello statuto speciale per la Regione Autonoma della Sardegna in materia di determinazione e attribuzione delle quote di gettito delle entrate erariali riconosciute alla stessa Regione. «La novità più significativa del decreto in esame è legata alla devoluzione alla Regione, nell’ambito delle entrate erariali, della raccolta di tutti i giochi con vincita in denaro sia di natura tributaria sia di natura non tributaria in quanto costituite da utile erariale», si legge nel comunicato di Palazzo Chigi. Il decreto legislativo «recepisce così l’accordo sottoscritto in data 3 marzo 2016 tra il Ministro dell’economia e delle finanze ed il Presidente della Regione per il coordinamento della finanza pubblica». Il nuovo regime di compartecipazione al gettito erariale decorre dal 1° gennaio 2010. «Alla luce dell’accordo Stato-Regione, il saldo per il maggior gettito spettante alla Regione per gli anni 2010-2015, in conseguenza del nuovo regime tributario, è erogato alla Regione in quattro annualità costanti a decorrere dall’anno 2016».

«La parola fine sulla lunga e complicata vicenda della vertenza entrate è davvero definitiva, e sono felice di poter chiudere da presidente una partita che il governo di centrosinistra ha avviato 10 anni fa. E' un risultato straordinario, ottenuto grazie a un costante lavoro quotidiano con Palazzo Chigi, con il Ministero dell'Economia e delle Finanze e con la Ragioneria dello Stato. Voglio ringraziare la Commissione paritetica per il suo impegno, e il Consiglio regionale che ha avuto in questa vicenda un ruolo molto importante. Portiamo a casa regole certe, condivise e che ristabiliscono quanto dovuto alla Sardegna, dopo che nel 2006 ottenemmo una riscrittura dell'articolo 8 dello Statuto molto più favorevole di quanto lo fosse fino ad allora», ha detto il presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru. In termini di denaro - spiega un comunicato della Regione - significa che nelle casse della Sardegna entreranno fra i 130 e i 150 milioni in più all'anno, e che tutti i 900 milioni di arretrati rivendicati saranno pagati in 4 anni (300 già versati a gennaio 2015, primi soldi incassati dal 2010). Altro importante risultato è che lo Stato non potrà tenere per sè le riserve erariali della Sardegna per fare cassa, se non in casi di eventi eccezionali e imprevedibili, un terremoto per esempio, che rendano necessario ricorrere a risorse straordinarie. L'intero percorso è iniziato nel 2006 con l'accordo Soru-Prodi che, recepito nella legge 296, modificava l'articolo 8 dello Statuto riconoscendo alla Regione nuove e maggiori entrate tributarie per un totale di 5,8 miliardi di euro. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password