Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 20:28

Attualità e Politica

18/10/2016 | 14:33

Eig a Berlino - Caselli (iGaming business): "Grandi aziende lasciano il mercato illegale per ottenere licenze"

facebook twitter google pinterest
Eig a Berlino Caselli IGaming business

BERLINO - La regolazione costringe gli operatori a costruire i prodotti con parametri rigidi e a fondersi con ex competitor: "Non c'è dubbio che il consolidamento tra aziende aumenta la qualità e gli standard dei prodotti e dei servizi, oltre a produrre un sostanzioso risparmio di costi. Ma è anche vero che se ci fosse un migliore servizio ai clienti ci sarebbe meno bisogno di fondere le aziende". Questo il parere di Michael Caselli, fondatore di iGaming business, nel corso di un dibattito all'Eig di Berlino. "C'è poi un problema di dimensioni: le grandi aziende saranno sempre più lente a portare innovazione nel mercato. Ormai è in corso un fenomeno inarrestabile: i grandi gruppi tendono a lasciare le giurisdizioni 'grigie e 'nere' per affrontare costi di integrazione - anche pesanti - nei mercati regolati", ha concluso.

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password