Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2016 alle ore 20:21

Attualità e Politica

20/07/2016 | 16:21

Giochi, Astro: il modello Bolzano non funziona, eliminare le slot dai bar non serve a contrastare ludopatia e gioco minorile

facebook twitter google pinterest
Giochi Astro slot

ROMA - Eliminare le slot da bar e tabacchi non serve a contrastare il gioco patologico. E' la posizione dell'associazione dei gestori Astro, che risponde al senatore Franco Mirabelli (PD) sull'ipotesi di «radere al suolo questa rete distributiva», una soluzione già «adottata nella provincia autonoma di Bolzano, con effetti tutt’altro che positivi (invasione di congegni illegali nei pubblici esercizi e impennata dei malati di gioco patologico)». 
«Nella rete generalista di 80mila bar e tabacchi sono ospitate le slot che non consentono partite superiori a un euro e non prevedono vincite superiori a 100 euro: tale prodotto - spiega Astro - è il ‘più light’ in assoluto, e per tale ragione il più utilizzato da milioni di giocatori occasionali (e quindi pienamente sociali) durante una pausa caffè o un acquisto di tabacco». Eliminare le slot da «locali luminosi e aperti per far convogliare tutta l’utenza di gioco (occasionale compresa) negli angusti e bui mini-casinò illuminati solo dai terminali» fa presupporre «una reazione non positiva da parte degli amministratori locali che perseguano obiettivi di tutela sanitaria - in concreto - della popolazione», si legge in una nota dell'associazione.
«E' difficile da credere che eliminando la slot da un euro e triplicando i luoghi dove si può giocare a prodotti “più aggressivi” da mezzo milione di euro di vincita, si contrasti la patologia del gioco patologico», «è difficile credere» che eliminare le slot dai bar serva a «tutelare i minori, quando tutte le ricerche evidenziano una propensione dei giovani a quasi tutto tranne proprio che alle slot nei bar» ed «è difficile credere che sia funzionale all’ordine pubblico togliere le slot lecite e censite da 80.000 esercizi pubblici per poi dover controllare tutti e 300 mila i bar che potenzialmente potrebbero mettere a disposizione della clientela un tablet per il gioco online illegale». Astro quindi si augura che «la proposta del Governo possa andare incontro alle più immediate e logiche forme di correzione, prima tra tutte l’estensione della riorganizzazione a tutti i prodotti di gioco, per poi verificarne l’ottimale distribuzione nelle varie location». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password