Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 10:30

Attualità e Politica

06/07/2016 | 11:24

Giochi, Baretta (MEF): «Necessario combattere dipendenza senza cadere nel proibizionismo»

facebook twitter google pinterest
Giochi Baretta MEF

ROMA - «Combattere la ludopatia e la compulsività vuol dire restituire al gioco la sua normalità: bisogna fare in modo che il gioco ritorni ad essere una delle attività normali, ma minori, della vita. Oggi si ritiene il gioco malato, non la sua conseguenza patologica: serve dare risposte alle derive patologiche, ma anche liberarsi dalla concezione del gioco come problema, altrimenti si cade nel proibizionismo». Lo ha detto il sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta, nel corso di un convegno a Roma. «Gli enti locali si sono dotati di norme autonome che hanno avuto questi effetti proibizionisti: si é arrivati a questo perché, in passato, si é esagerato» nella distribuzione del gioco sul territorio.  «I provvedimenti locali su orari e distanze hanno avuto come risultato finale» la cancellazione del gioco nei centri e «la sua concentrazione in periferia: il rischio è che nascano dei quartieri a luci rosse del gioco, con alcuni sindaci che addirittura teorizzano» questa soluzione. PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password