Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2016 alle ore 18:12

Attualità e Politica

23/11/2015 | 19:24

Giochi, Peano (avv. Gaming): "No a divieto pubblicità, necessario orientare consumatore verso offerta legale"

facebook twitter google pinterest
Giochi Peano (avv. Gaming): No a divieto pubblicità necessario orientare consumatore verso offerta legale

ROMA - "Sul tema della pubblicità del gioco la raccomandazione della Commissione Europea del luglio 2014 ha dato delle indicazioni e nessuno degli stati membri ha deciso di adottare un approccio proibizionistico sul gioco legale, anche perché non ci sono ricerche scientifiche che supportano questo divieto". Lo ha evidenziato Valerie Peano, avvocato e consulente legale di diverse aziende di gaming, intervenendo nel corso del seminario istituzionale sul gioco in corso alla Commissione Finanze della Camera. "La Commissione - ha aggiunto la Peano - ha anche indicato come orientare il consumatore verso l'offerta legale e dissuaderlo dall'illegale. Inoltre se pensiamo ad internet, come spiegava prima Sogei, sono oltre 5 mila i siti inibiti e pensiamo a quanto ammonterebbe questo elenco se si aggiungessero quelli legati alla promozione pubblicitaria del gioco, banner, link a siti affiliati e così via. Per sostenere la credibilità dell'approccio pubblico, dunque, servirebbe inquadrare meglio la pubblicità sul gioco perfezionando la normativa vigente ma senza vietarla".

In merito alle misure contenute nella legge di stabilità, poi, l'avvocato Peano ha spiegato: "Con i bandi previsti dal testo non solo l'operatore italiano non ha la certezza di poter operare ma anche l'investitore straniero non è interessato a intervenire a causa della mancata certezza del diritto per norme nazionali poco chiare e per norme locali esistenti. Si rischia - ha chiarito - che attraverso procedure di assegnazione con regole poco chiare si arrivi alla disapplicazione a livello europeo di queste norme". In merito alla nuova sanatoria per bookmaker non autorizzati, infine, "è difficile sostenere che l'adesione possa essere propedeutica a una successiva partecipazione al bando di gara perché si introduce un elemento di fiscalità che rischierebbe sanzioni a livello europeo". Tutte elementi, ha concluso Valerie Peano, che chiariscono quanto sia "necessaria una riflessione organica sull'intero settore, anticipando alcuni temi già con la legge di stabilità". FP/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password