Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2016 alle ore 20:21

Attualità e Politica

11/10/2016 | 15:31

Giochi, antiriciclaggio: nella IV Direttiva Ue gli obblighi dei concessionari

facebook twitter google pinterest
Giochi antiriciclaggio

ROMA - Nuove disposizioni in materia di verifica, armonizzazione e inasprimento delle sanzioni, istituzione presso di un registro centrale per le generalità dei titolari di società, e ampliamento dei soggetti obbligati al rispetto degli obblighi di prevenzione e contrasto. Queste le principali novità della IV Direttiva Ue sull’antiriciclaggio recepita dal Parlamento con la legge 170 del 2016, ricordate oggi dal generale Michele Carbone (Comandante regionale della GdF Toscana) durante il workshop sui "Nuovi scenari per le società di giochi e scommesse" organizzato a Bari da Betpoint e da European School of Banking Management. Il settore dei giochi rientra nell’ampliamento dei soggetti coinvolti previsto dalla Direttiva: l’adeguata verifica della clientela (tramite misure semplificate o rafforzate) e la segnalazione di operazioni sospette rientrano tra gli obblighi dei concessionari di giochi e scommesse. La legge approvata dal Parlamento, inoltre, contiene alcune disposizioni in materia di tassazione delle vincite da gioco: secondo la norma, le vincite corrisposte da case da gioco autorizzate nello Stato, negli altri Stati membri dell’Ue e in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo, non vengono comprese nel reddito e non devono essere tassate. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password