Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/12/2016 alle ore 20:48

Attualità e Politica

02/09/2016 | 17:10

Gioco patologico, Nardella (sindaco Firenze): «Al lavoro su riduzione dell'offerta e sulla prevenzione»

facebook twitter google pinterest
Gioco patologico Nardella Firenze prevenzione

ROMA - «Il fenomeno del gioco patologico è in crescita: dal 2010 al 2015 è quasi raddoppiato il numero di persone affette da ludopatia. Come Comune di Firenze, grazie al lavoro di vari assessorati, abbiamo messo in campo un mix di azioni che puntano a colpire il fenomeno sia riducendo l’offerta sia contenendo fortemente la domanda». Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, presentando il piano dell'amministrazione per il contrasto del gioco patologico: a partire da lunedì, entrerà in vigore l'ordinanza che prevede orari più corti di apertura delle sale giochi autorizzate (dalle 16 alle 22 di tutti i giorni, compresi festivi) e limiti orari per il funzionamento degli apparecchi con vincita in denaro presenti in luoghi diversi dalle sale giochi (le VLT saranno accese tutti i giorni dalle 16 alle 20). 
«Siamo perfettamente coscienti che per combattere il fenomeno del gioco patologico non basta scoraggiare le persone riducendo la presenza di questi luoghi, ma che bisogna lavorare anche sulla prevenzione e noi lo stiamo facendo. Attraverso i progetti che abbiamo con le scuole estenderemo la formazione dei nostri insegnanti perché possano sensibilizzare i ragazzi a partire dalle scuole medie e dalle scuole superiori, grazie alla collaborazione con l’Asl e la prefettura», ha spiegato. RED/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password