Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/12/2016 alle ore 20:48

Attualità e Politica

19/02/2016 | 14:58

Ippica, Pautasso (Pres. Federippodromi): “Delega al Governo, rilancio del settore con struttura più snella e regole chiare”

facebook twitter google pinterest
Ippica Pautasso Federippodromi Delega Governo

ROMA - Una struttura organizzativa snella e dinamica che garantisca regole chiare e costi contenuti per l’ippica italiana, la riorganizzazione del palinsesto e dei calendari corse per valorizzare tutti gli operatori del settore, una revisione completa dell’offerta scommesse, con l’obiettivo finale di “trasformare le corse dei cavalli in un vero spettacolo appassionante e coinvolgente per un largo pubblico”. Sono queste le priorità per l’ippica italiana, secondo il presidente di Federippodromi Elio Pautasso, che commenta ad Agipronews la delega affidata al Governo per riformare il settore entro i prossimi 12 mesi. “Il Ministero dell’Agricoltura, le Commissioni Agricoltura e Bilancio della Camera ed il Governo hanno compreso l’urgenza del provvedimento che ha portato in tempi brevi all’approvazione, nel Collegato Agricolo, della Delega per costituire un organismo privato per la gestione del settore – dice Pautasso - Abbiamo apprezzato la continuità con la Delega Fiscale per costituire questo organismo e fare della trasparenza, della meritocrazia e dell’efficienza i valori portanti per il rilancio del nostro sport e dell’economia del nostro settore”. Un nuovo soggetto che sarà una “start up” per “definire un modello operativo che garantisca un funzionamento efficace e dinamico con costi ottimizzati – dice ancora Pautasso - L’obiettivo è trasformare le corse dei cavalli in un vero spettacolo appassionante e coinvolgente per un largo pubblico". Per questo, tra gli interventi necessari, c'è anche "una profonda revisione e diversificazione dell’offerta della scommessa ippica affinché si inneschi velocemente una leva che porti più risorse al settore, ribadendo l’assoluta necessità di avere uno stringente controllo sulla regolarità delle corse come condizione indispensabile per il rilancio. Noi siamo molto fiduciosi che tutto questo possa e debba concretizzarsi in tempi brevi”.

“Non ripetere errori del passato, il settore si riagganci all’Europa”

Per Pautasso sarà inoltre indispensabile non ripetere gli errori del passato, cadendo “nelle vecchie logiche di distribuzione delle risorse in maniera superficiale, senza seguire un piano strategico”. Gli operatori dell’ippica non devono “dimenticare che tutto il nostro lavoro è finalizzato alla valorizzazione del cavallo, del proprietario, delle corse soprattutto, e che l’obiettivo è quello di portare pubblico negli ippodromi e di incrementare risorse provenienti dal gioco, fondamentali per la crescita della filiera”. Un traguardo a cui si arriva ritrovando “unità di intenti tra le varie componenti della filiera ippica” e formulando “insieme delle proposte accettabili dal Governo”. Altro tema è “riagganciare” il settore italiano a quello estero, riprendendo “contatto con l’ippica internazionale e con l’Europa”. Scommesse, ippodromi e corse “sono tre fattori che nascono insieme e si sviluppano insieme. Si tratta di lavorare bene, facendo investimenti e migliorando il prodotto. La passione per le corse e i cavalli è ancora viva, ma serve presentare questo prodotto eccezionale in maniera diversa e guardare a quello che avviene nei Paesi dove l’ippica è una eccellenza e muove ingenti risorse economiche. Non possiamo perdere il treno del rinnovamento e noi lo chiediamo da tempo. Questa volta dal Governo sono arrivati segnali di ampie garanzie che si procederà in tempi stretti e che si arriverà presto alla concretizzazione del progetto di riforma”.

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password