Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2016 alle ore 18:12

Attualità e Politica

17/11/2016 | 09:00

Legge di bilancio 2017: dall'ippica all'aumento del preu, da domenica al voto gli emendamenti sui giochi

facebook twitter google pinterest
Legge bilancio 2017 emendamenti giochi

ROMA - Tra le proposte di modifica alla manovra che hanno superato il vaglio dell'ammissibilità da parte della presidenza della Commissione Bilancio e che saranno votate a partire da domenica prossima, circa trenta riguardano il settore dei giochi.

RILANCIO DELL'IPPICA - La Commissione Agricoltura propone la tassazione sul margine per le scommesse ippiche al 33% (al 37% per il gioco a distanza), destinando il 75% del gettito così conseguito al montepremi, alla gestione degli impianti delle corse e alle provvidenze per l'allevamento dei cavalli. Il deputato di FI Paolo Russo propone - per garantire ulteriori risorse al settore - di consentire ai concessionari di "offrire palinsesti di scommesse complementari al palinsesto ufficiale delle scommesse ippiche". Per accelerare il rilancio del settore ippico, due emendamenti presentati dai deputati Giovanni Falcone (PD) e Giulio Cesare Sottanelli (SC) propongono la tassazione sul margine per le scommesse ippiche al 30%  "relativamente alle corse da disputarsi sul territorio italiano organizzate dal Mipaaf" e del 20% con riferimento alle altre corse. Il Ministero "fornisce gratuitamente ai concessionari le immagini relative alle corse da disputarsi sul territorio italiano o incluse nel programma ufficiale" e "con decreto del direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sono stabilite le modalità per il versamento dell’imposta unica da parte dei concessionari". Inoltre, "entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge", con un decreto dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli" vengano introdotte "espressamente le corse dei cavalli fra gli avvenimenti che possono essere oggetto di scommesse del programma complementare". Infine, il deputato del Movimento 5 Stelle Giuseppe L'Abbate chiede che sia alzata - da 32mila a 35mila euro - la base d'asta del bando scommesse previsto dalla legge di stabilità 2016 e che, "conseguentemente, con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, da emanarsi di concerto con il Ministro delle politiche agricole, siano definiti i criteri per l'assegnazione al settore ippico delle risorse derivanti dalla maggiorazione della base d'asta".

GARA DEL SUPERENALOTTO - La deputata Paola Binetti (AP) chiede di aggiungere che la gara del SuperEnalotto, prevista dalla legge di bilancio 2017, si svolga "nelle more dell'adozione della legge di riordino dei giochi pubblici che preveda una disciplina uniforme delle concessioni delle reti di gioco" e che la la concessione sia affidata "nel rispetto dei princìpi e delle regole europei e nazionali", ma anche rispettando "requisiti di onorabilità e trasparenza del contraente e di controllo dei capitali utilizzati". Il deputato Roberto Capelli (CD) propone di alzare la base d'asta da 100 a 200 milioni di euro. Il deputato Matteo Mantero (M5S) chiede "il divieto per il concessionario di qualsiasi forma, diretta o indiretta, di propaganda pubblicitaria, di ogni comunicazione commerciale, di sponsorizzazione o di promozione di marchi o prodotti".

STOP A NUOVI GIOCHI PER 5 ANNI - Mantero inoltre chiede che sia "vietata l'introduzione di nuovi apparecchi e piattaforme on line per il gioco d'azzardo a valere sulle concessioni già in essere e di nuove tipologie di giochi d'azzardo per un periodo di almeno cinque anni".

MODIFICA AL PAYOUT DEI GIOCHI - Il deputato del M5S Massimo Enrico Baroni chiede anche che "a decorrere dal 1° gennaio 2017, la percentuale minima di restituzione in vincite (pay out) della raccolta derivante da giochi sia trasformata in percentuale massima della raccolta derivante dai giochi ed è fissata nella misura del 72 per cento. Una quota pari a 200 milioni di euro delle maggiori entrate derivanti dall'attuazione" di questa norma "sarà poi destinata ad incrementare il Fondo per la prevenzione e cura del gioco d'azzardo patologico".

PROROGA SANATORIA - Il deputato Paolo Tancredi (AP) chiede un'ulteriore proroga dei termini (al 31 dicembre 2016) della procedura di regolarizzazione in materia di giochi per i bookmaker esteri senza autorizzazione, "con almeno 700 centri non autorizzati, che non hanno aderito entro il 31 gennaio 2016 alla procedura di regolarizzazione di cui al medesimo comma, nonché a quelli attivi successivamente alla data del 30 ottobre 2014, che comunque offrono scommesse con vincite in denaro in Italia, per conto proprio ovvero di soggetti terzi, anche esteri, senza essere collegati al totalizzatore nazionale dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli".


SCADENZA CONCESSIONI - Il deputato Filippo Piccone (AP) propone una modifica della durata dei contratti di servizio connessi alle concessione sui giochi, secondo cui, "alla scadenza delle concessioni cessano anche i contratti degli attuali concessionari con i loro gestori e con i fornitori di servizio di connettività e, i contratti, sono prorogati fino alla data di sottoscrizione delle nuove concessioni attribuite con la predetta procedura selettiva".

LOTTERIA DELLO SCONTRINO - Sergio Boccadutri (PD) ha presentato un emendamento alla norma sulla lotteria dello scontrino per "incentivare l'utilizzo di strumenti di pagamento elettronici da parte dei consumatori", aumentando del 20% "la probabilità di vittoria, rispetto alle transazioni effettuate mediante denaro contante, per le transazioni effettuate attraverso strumenti che consentano il pagamento con carta di debito e di credito".

MAGGIORI ENTRATE DAI GIOCHI - Sono una decina le proposte di modifica che riguardano l'aumento del prelievo erariale delle slot e delle VLT per finanziare diversi provvedimenti, mentre un emendamento di Vittorio Ferraresi (M5S) che chiede di alimentare l'istituzione di un fondo di solidarietà per l'indennizzo delle vittime dei reati intenzionali violenti con "gli introiti derivanti dalla specifica destinazione di un'aliquota delle ritenute erariali dei proventi dei giochi e scommesse determinata annualmente con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro della giustizia" e con "i premi vinti e mai incassati del fondo giochi e scommesse istituito presso il Ministero dell'economia e delle finanze".

NUOVE LOTTERIE - Infine l'emendamento di Lara Ricciatti (SI) propone l'indizione di lotterie nazionali per la valorizzazione dei carnevali storici italiani, come pure tutti gli emendamenti arrivati dai gruppi parlamentari di minoranza che chiedevano di modificare il prelievo delle slot e delle VLT. MSC/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password