Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2016 alle ore 15:08

Attualità e Politica

12/12/2015 | 12:08

Legge di Stabilità: via libera a emendamento Governo e 10 subemendamenti sui giochi, dalla tassa sul margine ai fondi per disabili e dipendenze

facebook twitter google pinterest
Legge di stabilità: via libera a emendamento Governo e 10 subemendamenti sui giochi dalla tassa sul margine ai fondi per disabili e dipendenze

ROMA - La Commissione Bilancio della Camera ha approvato l'emendamento del Governo sui giochi: il provvedimento prevede l'aumento del prelievo sulle slot al 17,5% e il payout non inferiore al 70%, la cancellazione della tassa da 500 milioni, un inasprimento delle sanzioni per gli apparecchi scollegati e i totem, un accordo con gli enti locali da definire in sede di Conferenza unificata Stato e Regioni, alcune limitazioni sulla pubblicità dei giochi, l'introduzione delle awp da remoto e della tassazione sul margine per le scommesse.

TASSA SUL MARGINE DAL 2016 - Approvati anche dieci subemendamenti presentati in Commissione: via libera alla proposta Marchi (PD) che propone di anticipare al primo gennaio 2016 la tassazione sul margine (la differenza tra le somme giocate e le vincite corrisposte) delle scommesse a quota fissa al 18% se la raccolta avviene su rete fisica e del 22% se avviene a distanza. Approvata anche la riformulazione del subemendamento Russo (FI) che prevede l'esclusione delle scommesse ippiche dalla tassazione sul margine.

SANZIONI - Ok anche alla riformulazione del subemendamento Schullian (Misto) che chiede di applicare le sanzioni previste dal decreto Abruzzo "esclusivamente ai concorsi a premio per i quali è stata accertata la coincidenza con attività di gioco riservate allo Stato o l'elusione del monopolio statale". Tali norme "si applicano anche alle sanzioni già irrogate, ma non definitive al momento dell'entrata in vigore della presente legge, in quanto non impugnate o ancora suscettibili di impugnativa".

ENTI LOCALI - Approvati gli identici subemendamenti Baroni (M5S) e Basso (PD) che chiedono di escludere i "soggetti economici" da quelli che saranno tutelati dall'intesa raggiunta in sede di Conferenza Unificata Stato, regioni ed enti locali, quando saranno individuati i criteri per la distribuzione territoriale del gioco.

PUBBLICITÀ - Via libera al subemendamento Sammarco (AP) che chiede di adottare entro 4 mesi (e non 2) il decreto interministeriale di Mef e ministero della Salute che individua i criteri per l'attuazione della raccomandazione della Commissione europea in tema di pubblicità. Approvata anche una riformulazione del subemendamento Basso (PD) che vieta "le forme di comunicazione indiretta derivanti dalle sponsorizzazioni" dei giochi nel settore dell'istruzione.

CONTRASTO AL GIOCO PATOLOGICO - La Commissione ha approvato anche il subemendamento Nicchi (SEL) sulle campagne di informazione e sensibilizzazione sui rischi del gioco patologico, anche attraverso i propri siti web, da parte del ministero della Salute.

Ok della Commissione infine al subemendamento Carnevali (PD) che chiede di aumentare da 50 a 70 milioni il contributo da assegnare all'assistenza degli alunni disabili e alla riformulazione del subemendamento Ginato (PD) che assegna 50 milioni annui (a partire dal 2016) a un nuovo fondo per il gioco d'azzardo patologico istituito presso il ministero della Sanità.

MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password