Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 20:28

Attualità e Politica

13/11/2015 | 18:01

Legge di stabilità, Commissione Bilancio: respinti alcuni emendamenti su aumento preu per slot e VLT

facebook twitter google pinterest
Legge stabilità Commissione Bilancio emendamenti giochi

ROMA - Sono stati respinti in Commissione Bilancio al Senato alcuni emendamenti alla legge di stabilità che riguardano i giochi: tra questi figurano le proposte dei senatori Angioni, Ruta e Romani sulla tassazione al 3% sulle vincite delle VLT e l'emendamento Puglia sui centri di sostegno psicologico anche per la dipendenza da gioco patologico.
AUMENTO PRELIEVO - Bocciato l'emendamento Lo Giudice sull'aumento del preu per le slot al 16%; respinta anche la proposta di Morra che all'aumento del preu sulle slot al 17% abbinava quello sulle VLT al 6%. Niente da fare neanche per l'emendamento Catalfo che chiedeva una modifica del prelievo erariale unico "attualmente applicato sui giochi ed eventuali addizionali" e della "percentuale del compenso per le attività di gestione ovvero per quella dei punti vendita", per "conseguire un maggior gettito non inferiore a 600 milioni di euro" con cui finanziare il reddito di cittadinanza.
PUBBLICITA' DEI GIOCHI - Respinto l'emendamento Uras che prevedeva, dal 1° gennaio 2016, "il divieto per la concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo RAI Spa di sottoscrivere contratti pubblicitari con i concessionari del gioco".
CANONE TV PER LE RICEVITORIE - Bocciato anche l'emendamento Esposito sull'esclusione del canone di abbonamento speciale alla RAI per gli schermi e i terminali installati nelle ricevitorie che non sono utilizzati per la "ricezione di trasmissioni radiotelevisive anche a mezzo internet". 
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password