Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2016 alle ore 18:12

Attualità e Politica

02/08/2016 | 15:38

Giochi, Palese (gestori Agcai) contro le Videolotteries: “Chiediamo al governo di eliminarle”

facebook twitter google pinterest
Palese Agcai

ROMA – Un attacco contro le videolotteries, che “non dovevano essere autorizzate” e con le quali si possono perdere “migliaia di euro all’ora”: è ora di abolirle. Il presidente dei gestori di Agcai, Benedetto Palese, sostiene che “A poche ore dalla Conferenza Stato-Regioni che si occuperà del riordino dei giochi, lanciamo la proposta di un patto al governo: sui giochi occorre scrivere insieme una riforma vera, che inverta la rotta e ponga al centro dell'attenzione il contrasto all’azzardopatia. Alcuni passi avanti sono stati fatti, ma diciamo no ai supercasinò nei pressi dei luoghi sensibili”. La posizione di Agcai è chiara: “L'esecutivo non si schieri dalla parte delle multinazionali dell’azzardo che gestiscono le sale dedicate in tutta Italia: noi non vogliamo essere complici di uno Stato-biscazziere. A marzo, con la nostra mobilitazione a Montecitorio, abbiamo già ottenuto importanti risultati. Il primo è quello di aver sventato il pericolo della prevista diffusione di 250.000 mini videolottery nei bar, ottenendo anche che dal primo gennaio 2017 le Awp dei bar, che accettano solo monete e con le quali si vincono al massimo 100 euro, saranno sostituite con macchine da remoto con puntata dimezzata a 0,50 € e vincita massima 50 €”. “Ora però – ha aggiunto Palese – siamo fortemente contrari alla previsione di videolottery nelle sale di tipo A, che da un lato dovrebbero sulla carta essere più controllate ma che dall'altro non dovranno rispettare alcun limite di distanza da scuole, chiese e ospedali. Questi luoghi “diventerebbero dei super casinò dedicati all'azzardo, di fatto delle pericolose 'trappole sociali' che risulterebbero molto più attrattive in quanto potranno esibire insegne molto suadenti ed appariscenti. Siamo sicuri – ha detto il presidente di Agcai - che vedendo queste grandi insegne luminose, i giovani saranno indotti a collegarsi dal computer o dal proprio smartphone ai numerosi siti dove facilmente si gioca d’azzardo online”. Lle sale tipo A – secondo Agcai - dovrebbero contenere solo le future Awp da intrattenimento, così come previsto nella proposta fatta dal Governo alla Conferenza Stato-Regioni-Enti locali: da tempo chiediamo di ridurre la perdita oraria di tutti gli apparecchi in modo da intrattenere il giocatore senza fargli perdere in un'ora più di quanto non perderebbe giocando ad un normale flipper”. In tal modo le future Awp “svolgerebbero il ruolo loro richiesto dalla legge, ovvero una funzione di mero intrattenimento”.

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password