Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 05/12/2016 alle ore 19:04

Attualità e Politica

23/11/2015 | 19:08

Passamonti (Sgi): “Pubblicità, basta approcci ideologici: divieto danneggia i cittadini”

facebook twitter google pinterest
Passamonti Sgi Pubblicità

ROMA – “Continua a esserci un approccio ideologico sulla pubblicità. Il gioco è sceso al 21esimo posto nel ranking dei settori merceologici. Non esiste al mondo un Paese che non abbia l’obbligo di pubblicizzare i prodotti legali, come il gioco. Anche a livello comunitario si ritiene necessario pubblicizzare il gioco legale per dare informazioni e permettere di distinguere l’offerta illegale”. E’ quanto ha ribadito Massimo Passamonti, presidente di Sistema Gioco Italia nel corso del seminario istituzionale sul gioco in corso alla Commissione Finanze della Camera. Un divieto di pubblicità “rischia di danneggiare i cittadini – ha detto ancora Passamonti - Serve un approccio laico per un settore che impegna aziende importanti e che per milioni di italiani è fonte di divertimento, la spesa media reale è di 2 euro al giorno. Leggo di recenti studi presentati oggi dalla Camera di Commercio di Roma in cui si mettono in relazione il fenomeno dei compro oro con il gioco – ha detto ancora - Sono studi del 2012 che non tengono conto del fatto che i compro oro nel frattempo sono stati drasticamente ridotti, un approccio del genere non aiuta, anzi rischia di far diventare incontri come questi occasioni sprecate”.

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password