Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/12/2016 alle ore 20:37

Attualità e Politica

25/05/2016 | 17:45

Scommesse, Bertaccini (Università Cattolica): «Il 51% dei giocatori di Serie B si sente 'a rischio' combine»

facebook twitter google pinterest
Scommesse Bertaccini Cattolica

ROMA - Cooperazione tra pubblico e privato per prevenire il "betting risk". Questo il concept alla base del progetto UE "Antimatch-Fixing Formula Understand, Share, Methodize, Replicate", coordinato dall’Ufficio Sport della Presidenza del Consiglio, supportato dalla D.G. Affari Interni della Commissione Europea e sviluppato dall'Università Cattolica in collaborazione con Transparency International Italia, Sistema Gioco Italia, AAMS, Unioncamere, Interpol Italia. "Il Cio ha iniziato a misurarsi con il problema, così anche i Governi, e il progetto nasce da questo background", ha spiegato Paolo Bertaccini Bonoli, Usag Università Cattolica. "Da uno studio dell'Università Cattolica e Transparency sui giocatori di Serie B 2014 - ha spiegato Bertaccini - è emerso che il 51% di questi ritiene medio-alto il rischio di essere coinvolti in episodi di combine". È anche da questa percezione che è stato sviluppato il piano anti match fixing (i cui risultati saranno illustrati a Bruxelles a giugno 2017), particolarmente focalizzato su quattro punti: il primo, già avviato, è un quadro sinottico che ha come obiettivo lo sviluppo di uno strumento di comprensione e comunicazione  tra attori privati e pubblici, nello specifico un sistema di infografiche. Serve inoltre un luogo di coordinamento in modo che il progetto sia collegato con gli altri a livello europeo ("European coordination room"); il terzo punto prevede una procedura di cooperazione tra pubblico e privato per la prevenzione del match fixing. Una serie di pratiche, tra cui anche inchieste giornalistiche, e inchieste della magistratura, che fanno emergere attività illecite. "Bisogna rafforzare un sistema che in Italia già funziona", ha sottolineato Bertaccini. L'ultima fase del progetto sarà una sperimentazione locale a Palermo focalizzata sullo sport, con un'area e un sistema di segnalazione che agevoli il contrasto alle combine sportive. "Una sfida tecnica e ambientale", ha spiegato Bertaccini. "Il match fixing è vissuto come un'aggressione da parte dello sport - ha concluso - a differenza del doping che è patologia 'interna'. Da solo, lo sport non è in grado di risolvere il problema, serve l'intervento e la cooperazione di più soggetti". LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

black monkey

Processo Black Monkey: domani penultima udienza dell’anno

06/12/2016 | 20:30 ROMA  Presso la seconda sezione penale del Tribunale di Bologna inizierà domani alle ore 9,30 la penultima udienza dell'anno del processo Black Monkey, istituito in seguito all’operazione della Guardia di Finanza...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password