Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 08/12/2016 alle ore 17:35

Attualità e Politica

21/04/2016 | 19:33

Scommesse, Cassazione respinge ricorso Procura di Roma: nessuna minaccia nelle diffide di Stanleybet a funzionari pubblici

facebook twitter google pinterest
Scommesse Cassazione Procura Roma Stanleybet

ROMA - Preannunciare - con una diffida - l’inizio di un’azione civile non equivale a configurare la nozione di minaccia o violenza: è quanto si legge in una sentenza della Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione, che ha bocciato il ricorso presentato dalla Procura di Roma contro alcuni dirigenti di Stanleybet e confermato l’ordinanza del Tribunale del Riesame che, nell’ottobre del 2015, aveva già ritenuto non penalmente rilevanti le diffide inviate a funzionari e dipendenti dell’Agenzia dei Monopoli e delle Forze dell’Ordine. In sede di riesame, era stato quindi annullato il provvedimento del Gip di Roma, che aveva applicato nei confronti di tre top manager (Giovanni Garrisi, James Vondy e Christian Doyle) della società inglese, difesi dall’avvocato Agnello, la misura interdittiva del “divieto di esercitare imprese”.  I dirigenti Stanleybet avvertivano - negli atti inviati - la volontà di avviare azioni di risarcimento verso i funzionari che non avessero disapplicato le norme nazionali per i centri del bookmaker estero: secondo la Cassazione, che ha deciso con il parere favorevole del Procuratore Generale, le diffide in questione avevano però il solo scopo “di rappresentare a tutti gli organi deputati ai controlli lo stato attuale della giurisprudenza nazionale e comunitaria”, invitando a evitare i sequestri e rimettendo la valutazione alle autorità giudiziarie. “Un’azione civile, mediante la notificazione di un atto di citazione o il deposito di un ricorso, non integra gli estremi della violenza o minaccia penalmente rilevante”, si legge ancora nella sentenza, anche in caso di eventuali “ragioni strumentali”. PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password