Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/12/2016 alle ore 17:19

Attualità e Politica

01/07/2016 | 18:08

Scommesse, Ughi (Obiettivo 2016): “Dal Governo scadenze non rispettate per nuova gara: inevitabili contenziosi”

facebook twitter google pinterest
Scommesse Ughi Obiettivo 201

ROMA - Il Governo e L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli non hanno rispettato i termini per far partire la gara delle concessioni per le scommesse, né quelli per definire le caratteristiche dei punti vendita e la loro concentrazione territoriale: è quanto sottolinea Maurizio Ughi, amministratore unico di Obiettivo 2016, evidenziando che le scadenze “non rispettate o volutamente mal interpretate, risultano utili solo a garantire il rilevante gettito di denaro che lo Stato percepisce dalle imposte sui Giochi Pubblici, circa 9 miliardi di euro”. Una “negligenza che porterà inevitabilmente a un ulteriore contenzioso di natura amministrativa, ma anche legislativa perché riflette argomenti che dovranno essere giudicati dalla Corte di Giustizia Europea - dice ancora Ughi - Rimarrà così aperta la porta agli operatori transfrontalieri che senza alcun contratto e prescrizione con lo Stato Italiano, e quindi fuori dalle prescrizioni degli operatori concessionari, continueranno ad accettare scommesse in forza di discriminazioni già rivendicate e per non aver potuto partecipare, ancora una volta e nei termini di legge, alle gare per l’accesso al mercato regolamentato. Un’altra occasione persa. Ancora uno scempio a danno degli operatori contrattualizzati con lo stato italiano”.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password