Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/12/2016 alle ore 20:48

Attualità e Politica

08/06/2016 | 08:43

Senato, interpellanza Gibiino (FI) sui compiti dell'Istituto superiore di sanità in materia di giochi e dipendenze

facebook twitter google pinterest
Senato interpellanza Gibiino FI iss giochi

ROMA - Il senatore Vincenzo Gibiino (FI) ha presentato un'interpellanza al ministro della Salute per sapere se il Ministro «non intenda, nell'ambito delle proprie competenze, attivarsi, affinché siano intraprese tutte le opportune iniziative, al fine di identificare i soggetti responsabili del mancato adempimento degli obblighi dell'Istituto superiore di sanità e di connesse eventuali violazioni di legge in materia di tabacco, di gioco d'azzardo, nonché di tutela della salute» e «se risulti quale tipo di istruttoria sia stata compiuta dall'ISS in riferimento ai controlli compiuti sulle sostanze contenute nelle sigarette elettroniche, sulle sostanze contenute nel tabacco e controllo ambientale svolto nei confronti delle sale slot», considerando che «l'ISS esegue accertamenti ispettivi, controlli di Stato e analitici, accertamenti e indagini igienico-sanitarie in relazione all'ambiente e con particolare riferimento al fenomeno del gioco». 
Inoltre Gibiino chiede al ministro «quali indicazioni o linee guida l'ISS abbia attribuito alle autorità territoriali e regionali competenti, per evitare danni alla salute pubblica derivanti dal gioco patologico» e «se non ritenga di doversi attivare celermente per ridurre l'eccesso e l'invasività della pubblicità del gioco sulle reti televisive pubbliche e private». Infine, il senatore ha chiesto di sapere «quali azioni concrete siano state messe in atto dall'ISS, settore ludopatia, a tutela delle fasce deboli, quali i minori e gli anziani». MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password