Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 20:28

Attualità e Politica

04/01/2016 | 13:12

Stabilità 2016, Agenzia delle Dogane censisce slot machine: “Stop a ogni autorizzazione fino al 20 gennaio”

facebook twitter google pinterest
Stabilità 2016 censimento slot machine

ROMA - Stop ai nuovi nulla-osta fino al 20 gennaio, in attesa che gli uffici dell’Agenzia delle Dogane completino il censimento delle slot al 31 dicembre 2015. Arrivano sul comparto degli apparecchi i primi effetti della legge di Stabilità 2016, che prevede lo “stop” totale alle autorizzazioni alla messa in esercizio delle macchinette, se non nel caso di “mera sostituzione” delle slot già operative. Un’operazione necessaria in vista del riordino del settore, che passerà attraverso un decreto del Ministero dell’Economia ma solo dopo aver delineato con esattezza le dimensioni del mercato. In una nota inviata agli uffici regionali e ai concessionari, il direttore dei Giochi Adm, Roberto Fanelli, invita  a processare le richieste di nulla osta pervenute “entro e non oltre il 31 dicembre 2015" in data non successiva al 20 gennaio 2016, sollecitando i concessionari a non inviare in questi giorni nuove richieste agli uffici. In ogni caso, l’Agenzia delle Dogane ha intenzione di accelerare le pratiche per il reset del payout delle macchine, che passerà dal 74 al 70 per cento. La data del 21 gennaio per il rilascio dei nuovi nulla-osta potrebbe “essere anticipata in relazione alle tempistiche con cui preverranno gli esiti delle verifiche sugli apparecchi con pay-out modificato, come previsto dalla Stabilità 2016, tenendo conto dell’esigenza prioritaria della sostituzione degli apparecchi in esercizio che hanno il precedente parametro di pay-out”.

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password