Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2016 alle ore 20:21

Attualità e Politica

17/03/2016 | 12:49

Ughi (Obiettivo 2016): "Dipendenza non si combatte col distanziometro, la soluzione è il dialogo con gli enti locali"

facebook twitter google pinterest
Ughi Obiettivo 2016

ROMA - «L'abuso del gioco è condannabile, ma ‎di certo non può essere combattuto con le distanze di 500 e 1000 metri: l'unica soluzione è coinvolgere attivamente regioni ed enti locali, prevedendo per loro una parte delle risorse provenienti dai giochi». Lo ha spiegato Maurizio Ughi, amministratore unico di Obiettivo 2016, nel corso del convegno "Online retail e betting, l’evoluzione dell’offerta in vista dei nuovi bandi‎", che si sta svolgendo a Enada Rimini. Il negozio di scommesse «è come una piazza, è un luogo di aggregazione». Il giocatore che frequenta il punto gioco vicino casa «è seguito e controllato dal gestore, che conosce ‎bene i suoi clienti ed è in grado di indirizzarli», mentre il distanziometro crea «le cosiddette Las Vegas del gioco, lontane dai centri abitati, in cui il giocatore è solo un numero e quindi esposto a maggiori rischi». FP/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password