Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2016 alle ore 20:21

Attualità e Politica

03/11/2016 | 15:32

Casinò online non paga vincita da 650mila sterline a giocatore napoletano: sentenza il 23 novembre 2017

facebook twitter google pinterest
casinò online giocatore eurobet napoli

ROMA - Poco più di un anno di attesa e il 23 novembre del 2017 Bruno Venturi, giocatore napoletano che sbancò il casinò online di una multinazionale inglese centrando una vincita da 650mila sterline, saprà se ha davvero il diritto di ricevere la cifra. La dodicesima sezione del Tribunale Civile di Napoli emetterà in quella data la sentenza, ponendo fine almeno al primo grado del procedimento intentato da Venturi, che reclama una super-vincita ottenuta nel 2009 sul sito di Eurobet.com e mai pagata dalla società inglese. Il giudice – che in udienza ha definito il procedimento “puramente documentale” e quindi senza necessità di ulteriori testimonianze o perizie - deciderà sulla base delle memorie presentate dalle due parti: Eurobet UK chiede di far valere la decisione assunta dalla High Court londinese (che ha bloccato il pagamento dando ragione all’operatore) e di far uscire dal giudizio Gala Coral, azienda capogruppo. Nel 2009 Venturi, rappresentato in giudizio dallo studio Russo&Partners, aveva vinto la somma a sei cifre giocando al “Sixty Seconds”, una specie di lotto istantaneo online, ma Eurobet ha sempre rifiutato di pagare, sostenendo l’interferenza di un “bug” informatico del sistema – dovuto a un aggiornamento del software di gioco - che avrebbe aumentato a dismisura le possibilità di vincere la lotteria da parte del giocatore napoletano. "Il bug è 'matematicamente inevitabile' e il giocatore ha solo per questo motivo raggiunto tale cifra", aveva spiegato Patrick Lawrence, legale di Eurobet. Nel 2012 il giudice Simon Brown, dell’Alta Corte, aveva dato ragione all’operatore inglese, confermando che la vincita era dovuta a un problema tecnico e non a un colpo di fortuna. Ora la causa è davanti ai giudici italiani per la decisione finale.

NT/Agipro
 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password