Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2016 alle ore 18:12

Attualità e Politica

04/07/2016 | 10:42

Giochi, Cassazione: “Apparecchi illegali, è reato anche se i guadagni sono minimi”

facebook twitter google pinterest
cassazione giochi apparecchi illegali

ROMA - Trarre guadagni da apparecchi di gioco non autorizzati è reato, anche quando la posta in gioco è minima. E’ quanto ha ribadito la Settima sezione penale della Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso di un esercente di Roma, condannato dalla Corte di Appello per aver installato nella sua sala giochi apparecchi privi di autorizzazione. “Non è affatto chiaro a cosa si riferisca l’indagato quando afferma che non è stato accertato in concreto l'effettivo esercizio del gioco d'azzardo - si legge nella sentenza - Ove intenda riferirsi alla modestia della somma presente nella scheda, la relativa deduzione sarebbe del tutto infondata alla luce del costante insegnamento giurisprudenziale secondo il quale il fine di lucro sussiste anche quando la posta ha un valore minimo e va escluso invece quando tale valore sia del tutto irrilevante”. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password