Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/12/2016 alle ore 20:48

Attualità e Politica

01/09/2016 | 12:14

Scommesse, Cassazione: “Raccolta abusiva è reato anche con giocate di entità modesta”

facebook twitter google pinterest
cassazione scommesse

ROMA - L’esercizio abusivo di scommesse è un reato e non è un attenuante che le giocate raccolte siano di entità modesta. E’ quanto ha stabilito la Terza sezione penale della Corte di Cassazione che ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato da un esercente della provincia di Salerno condannato dalla Corte di Appello del capoluogo per raccolta non autorizzata di scommesse. “Rileva il Collegio che la natura stessa della contestazione - relativa allo svolgimento continuativo di un'attività organizzata, in difetto di autorizzazione - comporta l'abitualità della condotta, che non si esaurisce in uno specifico momento quale comportamento istantaneo, ma si sviluppa nel corso del tempo senza soluzione di continuità”, spiegano i giudici. Proprio la condotta abusiva abituale rende, secondo il Collegio, “irrilevante” il fatto che le accuse siano state mosse inseguito a una sola giocata di poco valore. “La rilevanza penale della fattispecie deve essere apprezzata con riguardo all'intero periodo interessato dall'imputazione e non contestato”. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password