Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 05/12/2016 alle ore 08:45

Attualità e Politica

20/10/2015 | 13:50

Giochi, Consiglio di Stato: "Compito dei Comuni contrastare fenomeni di dipendenza"

facebook twitter google pinterest
consiglio di stato comuni giochi imperia

ROMA - I Comuni hanno "il compito di contrastare i fenomeni di patologia sociale connessi al gioco compulsivo, dal momento che la moltiplicazione incontrollata della possibilità di accesso al gioco costituisce accrescimento del rischio di diffusione di fenomeni di dipendenza, con conseguenze pregiudizievoli sia nella vita personale e familiare dei cittadini, che a carico dei servizi sociali comunali". La Quinta sezione del Consiglio di Stato rigetta così il ricorso di un gruppo di esercenti di Imperia, titolari di negozi con apparecchi da gioco. L'ordinanza del Comune impone un orario massimo di funzionamento dalle 10 alle 23, e già il Tar Liguria aveva dato parere favorevole al provvedimento del Sindaco. Un altro no ai ricorrenti è arrivato dalla sentenza di Palazzo Spada: "Le sale giochi e gli esercizi dotati di apparecchiature da gioco, in quanto locali ove si svolge l’attività attualmente consentita dalla legge, sono qualificabili come «pubblici esercizi», di talché per dette sale il Sindaco può esercitare il proprio potere regolatorio, anche quando si tratti dell’esercizio del gioco d’azzardo, quando le relative determinazioni siano funzionali ad esigenze di tutela della salute e della quiete pubblica". Non è condivisibile la tesi secondo la quale la gestione del settore sarebbe competenza esclusiva dello Stato in materia di ordine e sicurezza. "La normativa in materia di gioco d’azzardo - con riguardo alle conseguenze sociali dell’offerta dei giochi su fasce di consumatori psicologicamente più deboli, nonché dell’impatto sul territorio dell’afflusso ai giochi degli utenti - non è riferibile alla competenza statale esclusiva in materia di ordine pubblico e sicurezza  ma alla tutela del benessere psico-fisico dei soggetti maggiormente vulnerabili e della quiete pubblica, tutela che rientra nelle attribuzioni del Comune". LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

scommesse palermo

Scommesse, a Palermo sequestrata sala non autorizzata

05/12/2016 | 08:45 ROMA - È stato sequestrato dalla Polizia di Stato un centro scommesse abusivo a Palermo. All’interno della sala venivano raccolte giocate per conto di bookmaker esteri privi di concessione- Il gestore dell'esercizio...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password