Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 05/12/2016 alle ore 19:04

Attualità e Politica

14/03/2016 | 16:00

San Martino Buon Albergo (VR): Stop del sindaco a ordinanza no slot, in arrivo corsi di formazione per esercenti e bollino di sicurezza per i bar

facebook twitter google pinterest
corsi formazione ordinanza astro verona

VERONA - Apparecchi accesi dalle 16 alle 24, ma il limite orario varrà d’ora in poi soltanto per le "sale dedicate a videolotteries e slot machine": il Comune di San Martino Buon Albergo, in provincia di Verona, torna sui propri passi e modifica l'ordinanza del gennaio scorso che limitava ad otto ore al giorno sia l’apertura di tutte le sale slot e videolottery sia l’accensione degli apparecchi da gioco negli esercizi commerciali “misti” come bar e tabaccherie. Il nuovo provvedimento - firmato dal sindaco Valerio Avesani - prevede "un inquadramento più riduttivo dei limiti orari" anche per "disincentivare l'ingresso dei più giovani nelle sale Vlt". La nuova ordinanza si riferisce soltanto alle sale specializzate ed esclude dai limiti orari i bar e le tabaccherie, che dovranno, però, impegnarsi in prima linea nella lotto al gioco patologico. Lo ha spiegato Lorenzo Verona, Vicepresidente di As.Tro, la principale associazione di gestori di apparecchi. "Abbiamo spiegato al sindaco i danni causati in Lombardia e Bolzano dalle normative 'no slot', con l'aumento dei giocatori patologici e un sostanziale aumento del business illegale - ha detto Verona ad Agipronews. - L'alternativa, secondo noi, è quella di 'formare' i titolari degli esercizi in cui sono installate le slot machine, in modo che il titolare possa riconoscere eventuali atteggiamenti problematici da parte dei giocatori. Successivamente, l'esercente potrà segnalare alla Asl la situazione, per gli interventi del caso". Una proposta accolta in maniera positiva dall'amministrazione di San Martino Buon Albergo. "Il progetto è quello di creare un bollino 'slot-sicura' che certifichi la partecipazione ai corsi di formazione e il fatto che il locale non ospiti prodotti fuori dal controllo statale. Il sindaco - ha spiegato ancora Verona - ha accolto la nostra proposta, a patto che vengano organizzati rapidamente corsi di formazione per gli esercenti: per questo ha emanato subito la nuova ordinanza in cui si distingue nettamente il gioco praticato nelle sale vlt da quello - a piccola vincita - presente nei bar e nelle tabaccherie". SA/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password