Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 20:28

Attualità e Politica

19/10/2016 | 10:31

Operazione "Gambling": giocatori italiani di Betuniq riavranno i soldi sequestrati a Malta da 15 mesi

facebook twitter google pinterest
gambling scommesse operazione betuniq

ROMA - Migliaia di giocatori italiani con un conto presso Betuniq, il bookmaker travolto dall'inchiesta "Gambling" della procura di Reggio Calabria, potranno presto ricevere i propri soldi, sequestrati da oltre un anno. L'autorità di gioco maltese, secondo quanto apprende Agipronews da fonti legali, ha dato alla banca il via libera per sbloccare il denaro ancora depositato. La procedura avverrà in modo graduale, in prima battuta la metà della somma totale e poi le altre "rate" dietro presentazione di dettagliati report settimanali: nessun dettaglio è noto ma si tratta di diverse migliaia di giocatori. Il saldo dei giocatori-creditori costituisce l'ultimo passaggio formale prima del definitivo abbandono dell'isola per la società. A sbloccare la situazione è stata la consegna da parte del nuovo management di Betuniq.it alla Malta Gaming Authority di un piano con le future strategie della società, che comprende anche l'accordo - già ufficializzato - per diventare una "skin" del concessionario italiano Poker&bet. Ora sarà quindi possibile effettuare la migrazione dei conti di gioco da Betuniq.com alla piattaforma italiana, che dovrà avvenire in ogni caso con il consenso dei giocatori. Secondo quanto filtra da fonti istituzionali, i giocatori potranno scegliere di spostare i soldi in Italia ma anche di fare il "cash out" (incasso) dei soldi depositati sui conti gioco fino qui sequestrati a Malta, senza dover per forza aprire conti con il concessionario italiano e con la "skin" guidata da Mario Gennaro. NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password