Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 20:28

Attualità e Politica

08/06/2016 | 12:40

Giochi, Corte di Cassazione: “Per apparecchi illegali si condanna il gestore di fatto delle macchine”

facebook twitter google pinterest
giochi cassazione

ROMA - La titolarità formale dell'esercizio non è sufficiente per condannare un esercente nel cui negozio sono presenti apparecchi da gioco telematici illegali. E’ quanto ha stabilito la Terza sezione Penale della Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso di due indagati della provincia di Napoli per gioco d’azzardo abusivo. In primo grado, il Tribunale di Nola aveva condannato una terza indagata, titolare dell’esercizio al cui interno erano stati scoperti apparecchi di gioco illegali. Successivamente, la Corte di Appello di Napoli ha assolto la titolare, condannando invece i due indagati. La Corte ricorda che la condanna in primo grado dell’indagata “era stata fondata esclusivamente sulla titolarità formale dell'esercizio”, mentre gli altri due erano stati identificati come “il gestore di fatto dell'esercizio” e “il fornitore e manutentore degli apparecchi”. Proprio per questo, secondo i giudici “le doglianze dei ricorrenti in ordine al carattere congetturale” della valutazione fatta in secondo grado “sono manifestamente infondate”. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password