Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/12/2016 alle ore 20:48

Attualità e Politica

04/03/2016 | 17:05

Contrasto al gioco illegale, Comitato di Alta Vigilanza: tutela dei minori, contrasto a “totem” e scommesse non autorizzate nelle linee strategiche 2016

facebook twitter google pinterest
gioco illegale Comitato Alta Vigilanza

ROMA - Tutela dei minori, contrasto alla raccolta tramite i cosiddetti “totem” e alle scommesse in punti non autorizzati: queste alcune delle linee strategiche per il 2016 individuate dal Comitato di Alta Vigilanza per la repressione del gioco illegale e per la sicurezza del gioco e la tutela dei minori, che si è riunito oggi a Roma nella sede dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Piazza Mastai.

Al Comitato, presieduto dal Direttore dell’Agenzia, partecipano rappresentanti di vertice della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

“Il Comitato ha definito le linee di indirizzo strategiche per i controlli interforze da realizzare nel corso del 2016 - si legge in una nota - Le azioni pianificate si concentreranno sugli obiettivi di tutela dei minori (saranno controllati solo a questo scopo oltre 10 mila esercizi pubblici che offrono gioco) e di contrasto alla raccolta di scommesse su rete fisica in assenza di titolo autorizzatorio (cosiddetti Ctd). Una particolare attenzione verrà comunque riservata alle attività di offerta di giochi per il tramite di qualunque tipologia di apparecchi, situati in esercizi pubblici, idonei a consentire la connessione telematica al web (cosiddetti Totem). Specifiche norme introdotte di recente, con la legge di stabilità per il 2016, consentono di rendere oggi più efficace tale azione di contrasto”.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password