Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 18:14

Attualità e Politica

11/11/2015 | 12:51

Gioco online, Di Feo (Ceo Active Games): "Limiti a pubblicità non chiari favoriscono operatori illegali, licenze online ok se si semplificano oneri"

facebook twitter google pinterest
gioco online di feo active games

ROMA - Restrizioni alla pubblicità e nuove concessioni rappresentano un opportunità per chi sa sfruttare i cambiamenti, mentre - per il futuro - il mercato sarà basato su partnership e concentrazione delle aziende. Una condizione - quest'ultima - necessaria ma non sufficiente. È lo scenario disegnato da Paolo Di Feo, Ceo di Active Games e Giochi24, protagonista con Gioco Digitale e Bwin di molte innovazioni degli ultimi anni, dal lancio del Bingo Online a Gonzo’s Quest al Betting Exchange in modalità network.

 

Il divieto di pubblicità - per ora solo ipotizzato in proposte di legge in sede parlamentare - è un tema che riguarda soprattutto l’online. Alla luce dell'esperienza vissuta al vertice di una multinazionale, come verrà vissuta questa ipotesi all'estero?


Ogni cambiamento genera opportunità di vantaggio competitivo per chi saprà sfruttarle e dispone di tecnologie, flessibilità e conoscenza per muoversi rapidamente. Bisogna però vedere come verrà attuato, a oggi poter comunicare è in realtà uno dei modi di farsi riconoscere degli operatori legali. La paura è che si vada verso un blocco generico che agevolerebbe soprattutto chi riesce ad aggirarlo, specialmente su Internet, e per definizione a farlo sarà chi - operando in modo illegale dall’estero - non corre rischi. Più interessante per gli operatori legali e più utile al controllo della ludopatia sarebbe piuttosto imporre dei limiti per media e per tipologia di messaggio, che permettano ai consumatori di essere consapevoli e riconoscere i rischi e le differenze.

 

Come si può tentare di far presente la posizione dell'industria?


Vorremmo riunire gli operatori online per far sentire la loro opinione, li invito a contattarmi così come invito i legislatori a sentire anche i diretti interessati. Oggi si sente molto parlare chi non ha mai fatto pubblicità o ha altri interessi primari come la gestione di una rete fisica. Da un punto di vista di mercato, una limitazione porterà in primo luogo a un'ulteriore valorizzazione della rete fisica come veicolo di acquisizione. Inoltre, causerà un aumento di valore delle basi clienti attuali, v‎ista la difficoltà di nuove acquisizioni, e una progressiva concentrazione di mercato. Aprire una società da zero o creare liquidità a un nuovo gioco sarà quasi impossibile, acquisire operatori sarà più economico e veloce che acquisire giocatori, anche se poi le fusioni vanno gestite in modo intelligente avendo il know-how per riconoscere cosa si compra davvero e sapendo come gestire le dinamiche che si creano. (continua) NT/Agipro

 

Gioco online, Di Feo (Ceo Active Games): "Limiti a pubblicità non chiari favoriscono operatori illegali, licenze online ok se si semplificano oneri" (2)

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password