Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2016 alle ore 20:34

Attualità e Politica

26/07/2016 | 18:33

Operazione "The Imitation Game", Cassazione rigetta ricorsi di due indagati

facebook twitter google pinterest
imitation game cassazione

ROMA -  Sono stati dichiarati inammissibili dalla Seconda sezione penale della Corte di Cassazione i ricorsi presentati da Alessandro Ciliberto e Antonio Boi, contro l'ordinanza del 19 febbraio scorso del Tribunale di Roma che rigettava la richiesta di riesame contro il decreto di sequestro preventivo nei loro confronti. Entrambi sono indagati nell’inchiesta "The Imitation Game" che, nel gennaio scorso, ha portato alla luce "un'associazione a delinquere finalizzata al gioco d'azzardo, aggravata dalla finalità agevolatrice di tipo mafioso" con 11 arresti e sequestri per decine di milioni di euro.
Nei riguardi di Ciliberto, ritenuto appartenente "ad una organizzazione malavitosa dedita al gioco d'azzardo e la sua attiva partecipazione in prima persona alla vicenda estorsiva nei confronti di Davide Pesaola", i giudici ribadiscono nella sentenza che "il sequestro è stato disposto, non solo in relazione al reato di "associazione per delinquere, ma anche in relazione al reato di estorsione".
Su Boi, invece, il Collegio sottolinea che "il provvedimento impugnato richiama la circostanza che il ricorrente, nel medesimo procedimento, è stato raggiunto da ordinanza di custodia cautelare in carcere, confermata in sede di riesame, dove sono stati addirittura ritenuti sussistenti i gravi indizi di colpevolezza dei reati contestati e posti a base giustificativa del sequestro".

SA/Agipro 

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password