Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2016 alle ore 20:34

Attualità e Politica

19/11/2015 | 08:40

Ippica, Castiglione (Mipaaf): «Da rendiconto finale dell'ASSI 86 milioni di euro di residui attivi»

facebook twitter google pinterest
ippica castiglione assi

ROMA - «Il rendiconto finale dell’ex ASSI riportava, al 31 dicembre 2012, residui attivi per circa 86 milioni di euro per quote di prelievo non incassate e residui attivi per circa 31 milioni di euro per minimi garantiti. Alla medesima data, i crediti da risarcimento del danno compensati dai concessionari con le somme destinate all’UNIRE per minimi garantiti e prelievi ammontavano a circa 66 milioni di euro». Così il sottosegretario all'Agricoltura, Giuseppe Castiglione, ha risposto all'interrogazione di un gruppo di deputati del Movimento 5 Stelle che in Commissione avevano chiesto di conoscere «a quanto ammontino i crediti ippici motivati dai lodi arbitrali e dai mancati regolari pagamenti del dovuto ai concessionari delle scommesse ippiche» ma anche «il patrimonio immobiliare del settore e la liquidità derivante dalla chiusura del contenzioso con il Ministero dell’economia e delle finanze». Il sottosegretario ha ricordato che, e i flussi in entrata vengono gestiti dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, «ed è emerso in tale contesto che l’intero importo dei residui attivi dell’ex ASSI potrebbe equivalere al debito maturato verso i concessionari a titolo risarcitorio». Riguardo al patrimonio immobiliare dell'ASSI, nel momento della sua soppressione (2012) risultavano beni per «un valore complessivo di oltre 2 milioni di euro che, con il trasferimento delle risorse dell’ex ASSI al Ministero, sono stati acquisiti al Demanio dello Stato». Sul rimborso dei crediti IVA maturati dall'Unire, Castiglione ha spiegato che «per il 2005 residua un credito di euro 12.456.089 (per quota capitale) e di euro 1.280.779,80 (per interessi)». Importi che saranno utilizzati per il pagamento dei premi di novembre 2015. Per il 2016 e gli anni successivi, continua il sottosegretario «abbiamo già illustrato alle pertinenti Associazioni rappresentative un modello per la definizione del ruolo degli ippodromi che costituirà la base per il sistema di finanziamento». Castiglione ha anche ricordato che con i Monopoli sono ripresi i lavori «per la revisione dello schema di regolamento delle scommesse messo a punto dall’apposita Commissione nel 2012». FP/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password