Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2016 alle ore 11:33

Attualità e Politica

14/10/2016 | 12:46

Stabilità 2017, le misure all’esame del Governo: 750 milioni dai giochi, taglio deciso di slot nei bar e tabacchi

facebook twitter google pinterest
legge stabilità 2017 misure giochi

ROMA - Una manovra da 24,5 miliardi di euro, finanziata anche con i 750 milioni in arrivo dal settore giochi: sono le cifre della prossima Legge di stabilità, che il Governo Renzi si appresta a varare nel Consiglio dei ministri di domani. Le misure su cui si sta lavorando al ministero dell’Economia, secondo quanto apprende Agipronews da fonti istituzionali, si basano in gran parte sulle “una tantum” delle gare e sul recupero dell’evasione fiscale nel settore slot. Ma si procederà con decisione anche alla riduzione delle macchinette in bar e tabacchi e all’eliminazione degli apparecchi in alberghi, ristoranti e sale giochi.

RECUPERO TASSA DA 500 MILIONI - Il ministero dell’Economia punta a recuperare le somme - oltre 160 milioni di euro - non versate da concessionari, gestori e esercenti delle slot che, nel 2015, erano tenuti a pagare una tassa annuale da 500 milioni (abrogata poi l'anno successivo). La norma ha dato vita a un lungo contenzioso in tribunale, che non si è ancora concluso: la Consulta dovrà giudicarne la conformità alla Costituzione nei prossimi mesi. Secondo quanto risulta ad Agipronews, i concessionari saranno incaricati della riscossione e avranno facoltà di utilizzare nei confronti degli operatori morosi lo strumento dell’ingiunzione previsto da un regio decreto del 1910. Il pagamento dovrà avvenire, salvo sospensione imposta da un tribunale, entro trenta giorni, altrimenti gli stessi concessionari potranno procedere con il pignoramento dei beni di gestori ed esercenti. La procedura, nelle intenzioni del Governo, accorcerà sensibilmente i tempi di recupero dei 160 milioni arretrati.

TAGLIO SLOT IN BAR E TABACCHI, VIA DA SALE GIOCHI – Si procederà dal primo gennaio 2017 con la riduzione delle slot machine, annunciata dal Premier Renzi in diverse occasioni. Il taglio immediato riguarderà 36 mila slot installate nelle 6200 sale giochi censite, locali di intrattenimento nei quali non vige il divieto di accesso ai minori di 18 anni, a cui si dovrebbero aggiungere circa 8mila apparecchi nei 3mila esercizi non specializzati: edicole, stabilimenti balneari, alberghi, ristoranti. Per quanto concerne gli 80mila bar e tabacchi, la riduzione sarà molto corposa, se dovessero essere approvati i due parametri attualmente allo studio: la riduzione secca del numero di apparecchi in ciascun esercizio (ora al massimo 8, si dovrebbe scendere a 3) e un minimo di metri quadrati (le ipotesi allo studio sono 20 o 30 metri quadrati di superficie commerciale) per l’esercizio che intende ospitare le macchinette. La manovra ridurrà di almeno 100-120mila apparecchi l’attuale parco macchine: le incertezze sul futuro del settore e l’inasprimento fiscale di inizio anno hanno già ridotto il parco macchine da 380mila a 325mila unità. 

GARE PER RINNOVO CONCESSIONI - Degli 800 milioni previsti dai giochi, una cifra che oscilla tra i 60 e gli 80 milioni dovrebbe arrivare dalla base d’asta della gara per la licenza del SuperEnalotto (in scadenza a metà 2018). La cifra equivale, secondo le stime, a tre anni di ricavi lordi per il concessionario dalla gestione della licenza, che avrà una durata di nove anni. Sarebbero messi a bilancio nel 2017 anche i 500 milioni che lo Stato avrebbe dovuto incassare quest'anno dalle gare per l'assegnazione di 15mila punti scommesse e 220 sale bingo, ormai slittate al prossimo anno anche per effetto del mancato accordo con gli enti locali sulla redistribuzione del gioco sul territorio. Anche le entrate dalla procedura per il rilascio di 120 concessioni per il gioco online – al costo di 200mila euro ciascuna - dovrebbero finire nel bilancio 2017: la gara doveva svolgersi quest’anno ma è ancora ai box. La Conferenza Unificata che dovrebbe ratificare finalmente l'intesa tra Stato ed enti locali (prevista dalla manovra dello scorso anno) è in programma il prossimo 20 ottobre: senza l'accordo, i bandi di gara per scommesse e bingo potrebbero essere a rischio.

FONDO GIOCO PATOLOGICO - Infine, non è escluso che vengano destinati altri fondi al contrasto del gioco patologico, una possibilità ipotizzata dal sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta dopo la ripartizione del fondo da 50 milioni alle Regioni: «È un percorso da continuare», aveva detto. «Non è previsto» invece, secondo Baretta, alcun aumento del prelievo sulle slot.

MSC-NT/Agipro

 

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password