Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 12:00

Attualità e Politica

09/03/2016 | 11:57

Manifesto contro ludopatia, Gori (sindaco Bergamo): "Contrario a proibire il gioco, ma è necessario contenerlo e regolamentarlo"

facebook twitter google pinterest
manifesto ludopatia gori giochi

MILANO - "Sono del tutto contrario a mettere fuori legge il gioco perché lo consegneremmo alla malavita, credo che il nostro obiettivo sia quello di contenerlo e regolamentarlo". Lo ha detto il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, nel corso della Prima Conferenza nazionale delle Regioni e degli Enti locali sul contrasto al gioco d'azzardo. "A Bergamo ci sono tra 4 e 5 mila giocatori problematici, e nel 2014 ben 220 persone in carico al Sert cittadino - ha continuato Gori - In città vengono spesi in media 2500 euro a testa e le conseguenze riguardano le persone e le loro famiglie, i contesti lavorativi".

"Abbiamo applicato la legge regionale con distanze da luoghi sensibili a 500 metri che di fatto vieta l'installazione degli apparecchi in città e anche il rinnovo delle autorizzazioni per quelli già in funzione, e abbiamo inserito limiti orari. - continua il sindaco - Abbiamo vietato pubblicità, e rifiutato una importante sponsorizzazione in questo senso, e da qualche mese abbiamo lanciato il progetto 'La posta in gioco' per studiare il comportamento dei cittadini nei confronti del gioco e un progetto che coinvolgerà oltre 30 mila giovani. I risultati arriveranno a fine marzo e saranno usati per nuovi provvedimenti che porteremo in Consiglio comunale in aprile". Ad aprile e maggio partirà, infine, una campagna di comunicazione "molto massiccia" ha annunciato Gori, con manifesti e distribuzione di materiali, "per raggiungere tutte le famiglie in città". SA/Agipro
.

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password