Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2016 alle ore 20:21

Attualità e Politica

05/05/2016 | 15:30

Conferenza Unificata: al vaglio del Mef certificazione delle sale e riduzione degli esercizi con slot machine

facebook twitter google pinterest
mef proposta conferenza unificata

ROMA - Una certificazione delle sale specializzate per superare il vincolo delle distanze dai luoghi sensibili, riduzione delle slot (almeno il 30%) e “taglio” degli esercizi autorizzati a installarle, maggiori responsabilità a baristi e tabaccai che dovranno “filtrare” l’accesso al gioco e che saranno responsabili di eventuali abusi. Sono alcune delle ipotesi su cui sta lavorando il Ministero dell’Economia - secondo quanto apprende Agipronews da fonti vicine al dossier - alle prese con la difficile intesa con regioni e comuni per sciogliere – come prevede la legge di Stabilità 2016 – il nodo della distribuzione sul territorio dei punti vendita di giochi. In vista delle prossime convocazioni della Conferenza Unificata si discuterà anche degli orari di apertura: il Mef starebbe ragionando su un massimo di 10-12 ore ma sul punto la trattativa resta apertissima e rimane ampia la disponibilità a lasciare l’ultima parola agli enti locali. Si sta anche considerando – su esplicita richiesta degli enti locali – la possibilità di girare una parte della ricca torta di introiti fiscali a sindaci e governatori. Sul punto il Mef non cederà un euro, quindi eventuali risorse dovranno essere “aggiuntive” all’attuale gettito, che il Sottosegretario Baretta ha quantificato in 8,7 miliardi per il solo 2015.
Tornando alla proposta del Mef le sale dedicate – scommesse, Bingo, locali con slot e Vlt – dovranno avere certe caratteristiche di sicurezza, in particolare presidio all’ingresso e formazione di preposti e gestori (che saranno chiamati a nuove responsabilità, anche penali, in caso di abusi o di mancati controlli), per poter continuare ad operare all’interno del perimetro di distanze – tra 300 e 500 metri da scuole, chiese, ospedali - disegnato dalle leggi locali: il “pacchetto” verrà valutato e certificato da istituzioni pubbliche, probabilmente con il coinvolgimento del ministero della Salute. Tutti gli altri esercizi specializzati che non dovessero ottenere il “bollino” pubblico, dovranno chiudere o emigrare a distanza di sicurezza dai luoghi sensibili. Novità in vista anche per le slot machine: secondo le ipotesi al vaglio in questi giorni, bar e tabaccherie potrebbero essere gli unici locali autorizzati all’installazione (accanto alle sale dedicate), anche se il limite scenderà dagli attuali otto apparecchi a 4 o 5. Niente più slot in lavanderia, dunque, o negli internet point.  
NT/Agipro
 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password