Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/12/2016 alle ore 20:48

Attualità e Politica

02/09/2016 | 11:54

Limiti orari a Napoli, le richieste dei gestori scommesse: “Riduzione dell'offerta e regole uguali per tutti”

facebook twitter google pinterest
napoli gioco orari scommesse

ROMA - Riduzione dell’offerta e uniformità di trattamento per agenzie di scommesse, corner e sale da gioco. E’ quanto hanno chiesto i gestori nel nuovo incontro al Comune di Napoli sul regolamento che disciplina gli orari di apertura e di esercizio delle sale da gioco. «Siamo in attesa di conoscere l’esito dei ricorsi al Consiglio di Stato» ha spiegato ad Agipronews Pasquale Chiacchio, presidente dell’Associazione Gestori Scommesse Italia, parlando delle udienze in programma il 6 ottobre. «Nel frattempo continuiamo a lavorare con l’Amministrazione, il percorso di confronto continua». Dopo il primo no del Comune alla modifica del regolamento, per i gestori delle sale scommesse rimangono due i punti imprescindibili su cui lavorare: «Più che sulla riduzione degli orari dell’attività, servirebbe un taglio all’offerta di gioco. Non ha senso stabilire fasce orarie se poi i luoghi dove giocare sono così tanti, tanto più se c’è il rischio di mettere in pericolo l’impiego delle persone che vi lavorano, visto il calo drastico della raccolta. La diminuzione sarebbe una tutela per tutti: per il Comune, per gli imprenditori, per i lavoratori e i consumatori». Inoltre, continua Chiacchio, «chiediamo l’uniformità di trattamento con i ‘corner’», esclusi al momento dall’ordinanza comunale. «Rimane questa grande anomalia che abbiamo fatto presente». L’assessore alle Attività produttive, Enrico Panini, «chiederà un passaggio con l’Avvocatura del Comune e in tempi brevi dovrebbe arrivare la risposta». LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password